Il passo in più di Francesco Pierucci

Il passo in più di Francesco Pierucci

 

Francesco Pierucci, giovane esordiente di origini napoletane, ci parla della sua prima opera: Il passo in più.

Francesco Pierucci

Francesco Pierucci

Chi è

Residente a Milano, lavora come copywriter freelance. Grande appassionato di cinema, ha rappresentato l’Italia nella giuria internazionale del Festival di Venezia. Dopo aver collaborato a diverse antologie, ha pubblicato Dieci piccoli passi (La Gru 2011).
Il passo in più è il suo primo, vero, romanzo.

Allora, Francesco, vuoi parlare ai nostri lettori del tuo romanzo?

Con piacere! Il passo in più è un romanzo che definisco di (de)formazione on the road.

Perché?

Perchè il protagonista, uno scrittore in perenne crisi creativa, viaggia “contromano”rispetto ai suoi più illustri colleghi.
Chilometro dopo chilometro il protagonista disilluso perde ogni sua certezza, non impara molto, anzi sembra destrutturarsi fino a prosciugare lentamente la propria identità. A poco gli servono i consigli onirici di Dickens, Hemingway e Tolstoj e forse ricava ancora meno dalle flebili idee per nuovi romanzi che scrive durante il viaggio (da un filosofo stoico che viene trasportato a Woodstock, a un clown depresso omonimo di Moliere, fino a un antieroe che ha perso la memoria e così via).

Le persone che incontra poi non sono meno folli delle sue idee…Il passo in più

Altrochè: una pescivendola napoletana in mezzo al deserto, un pescatore cieco, uno sceneggiatore obeso, un falacrofobico e tanti altri. E altrettanto fuori dagli schemi è il modo in cui è scritto il romanzo: non mancheranno infatti pagine bianche, flussi di coscienza alla Joyce e associazioni mentali.

Ciò che più caratterizza Il passo in più però è l’amore per il cinema.

Esattamente: ogni luogo, personaggio, minima azione dei protagonisti è influenzata totalmente da pellicole indimenticabili.

Si va dall’ “A proposito di Davies” dei fratelli Coen, alla cinematografia francese di Truffaut e Godard fino al cinema “caciarone” dei giorni nostri.

Gli amanti del cinema e della letteratura quindi coglieranno sicuramente dei riferimenti specifici che aumenteranno ancor di più il piacere della lettura.

CondividiShare on Facebook9Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

Le formiche non hanno le ali

Le formiche non hanno le ali


Le formiche non hanno le ali

Chi è Silva Gentilini Silva Gentilini, nata a Orbetello nel 1961, ha lavorato come consulente story editor per Mediaset ed Endemol, occupandosi di fiction tv, e come giornalista free lance per le riviste «Cosmopolitan» e «Moda».   Ha pubblicato poesie e racconti con il poeta...

Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero

Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero


Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero

  Chi è Errico Nero Avvolto nel mistero, l’autore si firma con uno pseudonimo. Si sa soltanto che è abruzzese e ama i libri e la musica.   Pubblicato nell’agosto 2017, Un errore di inesperienza rappresenta il suo esordio letterario. Di cosa parla Rebecca Mozic e...

Dentro me, esordio di Matteo Nepi

Dentro me, esordio di Matteo Nepi


Dentro me, esordio di Matteo Nepi

Editore: Pav Edizioni Anno edizione: 2016 Pagine: 200. Chi è Matteo Nepi Nasce a Milano, ma dal 2008 vive a Dublino. Durante gli anni dell’Università (è laureato in Scienze Politiche), tra una lezione e l’altra, inizia a scrivere brevi storie.   “In seguito ricopiai quegli...

Lascia un commento