L’agente 007 diventa un fumetto

L’agente 007 diventa un fumetto

Il 5 ottobre 1962 negli Stati Uniti venne proiettato il film “Dr. No” diretto da Terence Young, un’avventura mozzafiato conJB-SIX LIVES#1-P003-ink un inseguimento all’ultimo respiro. Una pellicola che darà i natali al celebre agente 007 e alla famosa farse: “Il mio nome è Bond… James Bond

L’agente segreto 007, nato dalla fantasia letteraria di Ian Fleming, è diventato famoso grazie alle sale cinematografiche, ma è  passato anche  attraverso i video giochi  prima di ritornare alla carta stampata, con i fumetti.

Luca Casalanguida

Luca Casalanguida

Ed ecco che proprio grazie ai fumetti, al talentuoso scrittore Ales Kot e alle le abili arti artistiche di Luca Casalanguida che l’agente più famoso del mondo ci fa sognare ancora…

 

Un ringraziamento quindi a Fausto Bailo che è riuscito ad intervistare per noi Luca Casalanguida e alla Premiata Libreria Marconi di Bra (Cn) il cui supporto, come sempre, è fondamentale.

Quali sono stati i suoi inizi come illustratore?

“Il primo lavoro fatto con gli americani è stata una mini di due numeri per la TopCow, legata al lancio di un videogame in VR nel 2015”.

Quale è stata la scintilla che l’ha portata a far rivivere le gesta di James Bond in versione graphic novel?

“L’occasione è arrivata grazie al contatto con la Dynamite, casa editrice che ne detiene i diritti per il fumetto. Avevo mandato loro un po’ di mio materiale, e l’editor Anthony Marquez mi contattò proponendomi di lavorare alla prima mini di 6 HAMMERHEAD (pubblicata in Italia da Panini in volume unico, proprio pochi giorni fa)”.

Quale tecnica di disegno ha seguito? Quanto tempo ha richiesto realizzare questo lavoro?agente 007

“Il mio disegno è abbastanza realistico e classico. Sia che lo faccia utilizzando fogli e pennarelli sia la tavoletta digitale (come faccio ultimamente)”.

Per la realizzazione del “suo” 007, fisicamente e caratterialmente, ha preso spunto dai romanzi di IanFleming, oppure si è basato sui film?

“Per questo aspetto, le indicazione erano che NON somigliasse a nessuno degli interpreti cinematografici ma stesse più sulla descrizione data nei romanzi. Avevo model-sheets su cui basarmi, ma poi il protagonista si è trasformato pagina dopo pagina fino ad arrivare alla “mia” versione di 007.”

Come spettatore, quale attore rappresenta meglio per lei il ruolo di James Bond?

“Connery. E’ lui”.

Ernst Stavro Blofeld

Ernst Stavro Blofeld

Tra i vari “cattivi” della serie cinematografica, quale quello che preferisce?

Ernst Stavro Blofeld. Lo ricordo nei film visti da piccolo. La sua immagine col volto che non si vedeva mai mentre accarezza il gatto è iconica. Però anche ultimamente mi ha colpito molto Raul Silva/J. Barden”.

Quale brano musicale potrebbe essere la colonna sonora della graphic novel: James Bond – The Body?

“Io direi che ci vuole una cosa forte… RATM: Killing In The Name.

Post correlati

Intervista a Salvatore Vivenzio, scrittore e sceneggiatore

Intervista a Salvatore Vivenzio, scrittore e sceneggiatore


Intervista a Salvatore Vivenzio, scrittore e sceneggiatore

Era il 3 giugno di due anni fa quando il quotidiano The Louisville Post  usciva con una edizione straordinaria. La farfalla ha preso il volo, citava, in ricordo di Muhammad Ali , figura carismatica, controversa e polarizzante sia dentro che fuori dal ring di pugilato, che ci aveva lasciato...

Spigola o agnello? Esordio col botto di Riccato

Spigola o agnello? Esordio col botto di Riccato


Spigola o agnello? Esordio col botto di Riccato

Federico Riccato, scrittore, ha alle spalle un dottorato di ricerca in Scienze Ambientali presso l'Università di Venezia e una piccola società, sempre a Venezia, che opera nel campo dell'ecologia applicata.   Appassionato lettore fin dalla più da piccolo, nel 2018 dà alle stampe il...

Intervista all’illustratore Lorenzo Pastrovicchio

Intervista all'illustratore Lorenzo Pastrovicchio


Intervista all'illustratore Lorenzo Pastrovicchio

L'illustratore Lorenzo Pastrovicchio una volta conseguito il diploma all'Istituto d'Arte, frequenta un corso di fumetti presso l’Accademia Disney di Milano. Un anno dopo inizia la sua collaborazione con la Walt Disney Company Italia, con i primi lavori di merchandising e licensing. Dal 1995 a...

Lascia un commento