90^edizione degli Oscar e 90 anni di Topolino!

90^edizione degli Oscar e 90 anni di Topolino!

Presso la Dolby Theatre di Los Angeles, tra poche ore si accenderanno i riflettori sulla 90^ edizione del più prestigioso premio cinematografico d’oltreoceano: gli Oscar.

 

Allo stesso tempo, il settimanale Topolino festeggia i suoi primi 90 anni.

 

Pensate che tutto nacque nel lontano 16 maggio del 1929 presso Blossom Room dell’Hollywood Roosevelt Hotel di Los Angeles, ove si tenne la prima edizione degli Academy Award. Tutta la cerimonia durò, nel complesso, poco più di 4 minuti.

 

Anche per questa occasione, Topolino non manca di regalarci un piccolo/grande gioiello: Mickey Keaton e il Kolossal pericoloso.
Pippo veste i panni di David Wark Griffith mentre Topolino, con la sua mimica, fa rivivere il grande Buster Keaton.

 

Roberto Gagnor

Roberto Gagnor

La storia è sceneggiata da Roberto Gagnor e illustrata da Valerio Held.

 

Per questa bella intervista a Roberto Gagnor, ringraziamo Fausto Bailo e la Premiata Libreria Marconi di Bra (Cn) che, come sempre, ha collaborato fattivamente.

 

Roberto, come è nato il progetto La storia del cinema di Topolino?

“Da qualche anno ho iniziato un ciclo a tema artistico (la Storia dell’Arte di Topolino) di cui presto uscirà il terzo ciclo. Dato che scrivo anche per il cinema, che sono un appassionato totale (tra sala, TV e Netflix vedo circa 300 tra film e serie all’anno) e che la storia del cinema è piena di aneddoti meravigliosi, ho pensato di raccontare anche questa mia passione attraverso topi e paperi, registi e correnti cinematografiche che amo.

Dagli albori del cinema a Buster Keaton, per il momento, ma il ciclo arriverà fino alla Nouvelle Vague e ai blockbuster di oggi.
La direttrice Valentina De Poli e il mio editor Davide Catenacci, come sempre, mi hanno sostenuto, e il progetto è partito! I disegnatori delle otto storie, bravissimi, sono Valerio Held e Giada Perissinotto, che presto vedrete all’opera”.

Qual è stata la scintilla che l’ha portata a scrivere la sceneggiatura che omaggia la figura di Buster

Buster Keaton

Buster Keaton

Keaton?

“La scintilla è stata che, semplicemente, trovo Buster Keaton grandioso! Un anticipatore di tantissimo cinema, un vero genio, per certi versi ancora più surreale di Chaplin, anche se meno noto al grande pubblico. Da qui sono partito per raccontare una storia sul muto senza dialoghi, se non alla fine, seguendo l’evoluzione del cinema, con un occhio anche a quel capolavoro di The Artist”.

Quanto è stato divertente ricreare la storia del cinema attraverso la mimica la gestualità di Mickey Keaton?

“Naturalmente mi sono divertito moltissimo a scriverla, anche se una storia muta ti toglie un’arma importante, quella del dialogo… A volte però è anche una stampella, nel senso che senza dialoghi devi essere puramente visivo, come dovrebbe sempre essere una sceneggiatura. Più difficile, ma più divertente”!

Di quale film le piacerebbe trarre una parodia per il settimanale Topolino?

“Ho già realizzato qualche parodia di film: ad esempio Quacklight, parodia di Twilight, disegnata meravigliosamente dal grandissimo Giorgio Cavazzano. Mi piacerebbe scrivere una versione ironica di Dirty Dancing… ma la vedo difficile”!

La storia del cinema di Topolino – Mickey Keaton e il colossal pericolosoIn passato avete realizzato altre sceneggiature per la Disney?

“Questa domanda mi lascia, a dire il vero, un po’ perplesso: ho scritto quasi 200 tra storie e autoconclusive per Topolino!

Se intendi invece storie mie con Valerio Held, abbiamo lavorato varie volte insieme, e con lui mi trovo sempre molto bene. Ha uno stile classico, ma pieno di guizzi, di verve, di entusiasmo”.

 

Progetti per il futuro?

“Scrivere sempre, scrivere tanto. Lavoro anche per il cinema (ho scritto un film in Germania, Sommer Auf Dem Land, e ho fondato una società di produzione per progetti italotedeschi, Magical Realist, col mio amico Radek Wegrzyn) e la TV (sto lavorando a Food Wizards, una serie d’animazione con RAI e Zocotoco).

 

In più insegno sceneggiatura all’Accademia 09 di Milano, all’ICMA di Busto Arsizio e alla Scuola Internazionale di Comics di Torino. Per Topolino, presto usciranno un nuovo ciclo di storie sull’Arte, un ciclo con Filo e Brigitta e una parodia: la Topodissea, col grande Donald Soffritti ai disegni. Insomma… si galoppa”!

Post correlati

Intervista all’illustratore Lorenzo Pastrovicchio

Intervista all'illustratore Lorenzo Pastrovicchio


Intervista all'illustratore Lorenzo Pastrovicchio

L'illustratore Lorenzo Pastrovicchio una volta conseguito il diploma all'Istituto d'Arte, frequenta un corso di fumetti presso l’Accademia Disney di Milano. Un anno dopo inizia la sua collaborazione con la Walt Disney Company Italia, con i primi lavori di merchandising e licensing. Dal 1995 a...

Mujeres, parla l’illustratore

Mujeres, parla l'illustratore


Mujeres, parla l'illustratore

Le Mujeres sono come la poesia, immortali. Stefano Delli Veneri affianca l’attività di illustratore alla docenza in disegno, tecniche pittoriche e illustrazione di moda presso varie Accademie. I suoi lavori sono stati esposti in numerose occasioni in diversi paesi – come, per esempio, i...

Valerio Nizi, illustratore di La pioggia di Alesia

Valerio Nizi, illustratore di La pioggia di Alesia


Valerio Nizi, illustratore di La pioggia di Alesia

Valerio Nizi nasce nella città eterna. Dopo la Scuola di fumetto si laurea in Lettere moderne e la sua prima pubblicazione avviene con l'Editoriale Aurea su John Doe (testi di Mauro Uzzeo e Roberto Recchioni) e poi su Long Wei (testi di Diego Cajelli e Luca Vanzella). Per Edizioni Inkiostro...

Lascia un commento