Istantanee di pensieri… di Tommaso Dani

Istantanee di pensieri… di Tommaso Dani

Istantanee di pensieri… è l’opera prima di Tommaso Dani, una specie di diario meditativo/spirituale, una sequenza di parole gettate, quasi per caso, sulla carta.

Ma in mezzo a questa selva di allucinazioni, suggestioni e folgorazioni, dopo il primo inevitabile smarrimento, il lettore più attento potrà trovare un sentiero che lo condurrà alla realtà. Ed allora anche queste immagini assumeranno l’aspetto conosciuto dell’esistenza umana, ma di quella vissuta con passione, sensibilità e intensità…

Pensieri che scalpitano e si dimenano, come a voler uscire dalle pagine, che urlano, ma poi rapidissimi si acquietano.

Per accostarsi a questo testo di non facile lettura, è necessario abbandonare i classici approcci al verso, che qui quasi non esiste. E’ necessario, invece, lasciarsi andare a questo vorticoso intreccio di parole che si susseguono come “Istantanee di pensieri…”

istantanee di pensieri

Chi è Tommaso Dani Boracelli

Grossetano, nasce nel 1982 sotto il segno del leone. Si definisce carattere di complicata lettura , dai toni torti e dalle tinte monocromatiche (a volte).

 

Oltre che di scrittura, è appassionato di arte. Ama la cucina, la pittura, la scultura e i bonsai.

Cosa puoi dire ai nostri lettori in più su di te?

Che dire su Tommaso? Persona a volte MOLTO introversa, che dà modo solo a poche persone di entrare nella propria vita. Per chi lo saprà apprezzare e capire, sarà una rivelazione, a volte anche un po’ spiazzante. Non sono uno di molte parole, ma persona concreta, a volte fin troppo…

Nella tua biografia ho letto che sei appassionato di bonsai, cucina, pittura e scultura. Che rapporto c’è tra

Bonsai di bougainville

Bonsai di bougainville

queste e lo scrivere?

… tra la pittura , la scultura , la cucina , il bonsai e la scrittura , c’è un profondo legame: sono tutte forme d’arte che portano ad esprimere le proprie emozioni, sentimenti, rabbie, amori e gioie. Insomma ciò che hai dentro, ovviamente se sei disposto a guardarti in faccia nello specchio.

E quale, invece, tra la tua fede buddista e ciò che hai scritto in questo libro?

Ho abbracciato il buddismo da circa 12 anni anche se per un periodo me ne sono allontanato. Quando ho ricominciato a praticare, però, ho veramente visto cosa era veramente TOMMASO e allora ho iniziato a tirare fuori, a scavare, a disseppellire gli scheletri dall’armadio. Grazie alla mia rivoluzione umana, a me stesso e alla pratica buddista, ho fatto un percorso che poi è diventato questo libro.

Puoi dirci brevemente di cosa parla Istantanee di pensieri…?

Istantanee di pensieri, come ho detto, riflette il mio percorso di crescita personale. L’ho scritto in soli quattro mesi, in tempo reale, infatti tutti i pensieri sono in ordine cronologico e con orari ben precisi.

Fra l’altro è stato scritto tutto su di un cellulare: quando ne avevo voglia, stavo male o bene, in stasi …io scrivevo…..poi ad un certo punto sono arrivato alla conclusione. Il tutto è stato condiviso con Raffaella, donna dalle mille sfaccettature e risorse che, oltre a scrivere benissimo, è anche l’autrice della prefazione. E’ anche grazie a lei che ho potuto concludere questo mio lavoro. Con lei ci siamo scambiati pareri e pensieri dai quali poi sono nate alcune riflessioni che ho tradotto in parole.

Istantanee di pensieri Istantanee di pensieriUn libro, il tuo, non di immediata e facile comprensione, insomma, non per tutti. Giochi a catturare brandelli di pensieri e a esprimerli in poche battute… Perché questa forma?

La forma non è stata pensata né voluta: è nata così, da sola. Le parole scritte in maiuscolo sono per me quelle “chiave”, quelle che danno peso a ciò che volevo esprimere, per questo le ho messe in evidenza. Ho però lasciato uno spazio per il lettore che, se vorrà, potrà scrivere sotto le sue impressioni, stati d’animo, dopo aver letto con gli occhi del cuore.
E’ vero, non è assolutamente un testo semplice anche perché ti porta a guardare dentro te stesso e, certe volte, fa male e paura. Scoprire cosa abbiamo dentro, però, è fondamentale per la crescita di ogni persona. È un libro/percorso che alcuni leggeranno e, forse, non capiranno fino in fondo anche se spero che la maggior parte riesca a comprenderlo. In questo caso capiranno qualcosa in più anche di loro stessi e…di me.

Quale motivo ti ha spinto a scrivere questo libro e a pubblicarlo?

Non c’è stato un motivo preciso per il quale ho scritto questo libro, è semplicemente successo….non è stato assolutamente programmato, poi lentamente facendo leggere queste pagine ad alcune persone, mi è stato detto: perché non lo pubblichi? Ed io l’ho pubblicato….

Ti sei fatto un’idea di quale tipo di pubblico potrà apprezzare ciò che hai scritto?

Credo le persone aperte , MOLTO MOLTO empatiche e con un forte legame con la loro parte femminile….

Hai intenzione di scrivere ancora?E, se sì, cosa?

Sì, ci ho preso gusto! C’è in cantiere un libro da scrivere a quattro mani ( io e Raffaella ).

Comunque, per chi leggerà il mio libro, consiglio di goderselo come quando si sorseggia un buon vino….

CondividiShare on Facebook17Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

Il vero immortale è l’amor…

Il vero immortale è l’amor...


Il vero immortale è l’amor...

    Una intensa poesia (tratta dalla raccolta Il fascino segreto dell'anima, edito da Pegasus Edition), commentata magistralmente da Antonella Abbate, professoressa toscana.   L'autore, Marcello Lazzeri, vive ad Altopascio (LU) e, oltre che poeta, è anche scrittore...

Nell’arte dell’io esordio poetico di Riccardo Grechi

Nell'arte dell'io esordio poetico di Riccardo Grechi


Nell'arte dell'io esordio poetico di Riccardo Grechi

Chi è Riccardo Grechi Nato a Bologna nel 1986 e appassionato di musica fin da piccolo, a soli 30 anni diventa batterista di professione.   Diplomato in batteria ed elettronica, contemporaneamente scrive poesie ed aforismi mettendosi alla prova attraverso la partecipazione a svariati...

Non vedo non sento e… il grido di dolore di Ester Cecere

Non vedo non sento e… il grido di dolore di Ester Cecere


Non vedo non sento e… il grido di dolore di Ester Cecere

In copertina: cornice di legno presente nel santuario di Toshogu a Nikko (Giappone) (WIP Edizioni) Ester Cecere nasce a Taranto, dove vive e lavora come ricercatrice presso il Consiglio Nazionale delle ricerche dove si occupa di Biologia marina. Ha alle spalle una serie di raccolte...

Lascia un commento