Giallo, thriller e noir: Il serpente dorato

Giallo, thriller e noir: Il serpente dorato

di Veronica Elisa Conti
Casa editrice: Pegasus Edition, ottobre 2015
Pagg. 182

 

Veronica Elisa ContiChi è Veronica Elisa Conti

Giunta alla sua seconda pubblicazione, l’autrice ha attirato la mia attenzione, prima ancora di leggere i suoi libri, per il modo nel quale si è presentata:

Sono una imbranata finta-socievole cresciuta con i libri e i dischi di De Andè, lettrice compulsiva dall’età di sei anni… Ho curato la mia paura degli aerei visitando Europa, Russia e Africa: a San Pietroburgo mi muovevo nella casa di Dostoevskij come in un santuario, in Zimbabwe mi sentivo una Karen Blixen sudaticcia, a Parigi giravo con una copia de L’assommoir come guida…

E ancora…

La mia roccia, il mio complice, è mio marito Daniele: ci teniamo per mano da quasi 17 anni. Abbiamo un figlioccio, Koski, prepotente gatto di otto chili, la cui missione nella vita è sottometterci alle sue bizze. Ci sta riuscendo… Ho un hobby incoerente: far crescere i miei nove bonsai oltre i limiti imposti dalla loro categoria. Si dovranno pur divertire! Insomma, sono una buffa ragazza che scrive.

Scrittrice colta, ironica (come avete appena avuto modo di appurare) e raffinata,  Veronica Elisa Conti è nata a Città di Castello dove attualmente risiede. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti e la Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Perugia. Con il thriller psicologico ambientato nella Normandia nei primi del Novecento, Le nebbie di Vraibourg, ha vinto il Premio letterario Malerba 2011.Veronica-E.Conti-vince

Con Il serpente dorato nel 2015 si è aggiudicata, al Theatre de Dix Heures a Parigi (nella foto a destra) il Premio Letterario Internazionale World Literay Prize 

 

 

Di cosa parla Il serpente dorato

il serpente doratoSiamo negli anni quaranta e la storia è quella di Darrel Faulkner, investigatore privato per necessità che sogna di diventare un attore famoso. Il tutto prende inizio dalla morte del suo mentore che gli lascia in eredità il caso sul quale stava lavorando.
Nel frattempo Darrel si imbatte, quasi per caso, nella misteriosa scomparsa della figlia dei ricchi Beaumont e questo evento si intreccerà inesorabilmente con l’indagine avviata dal suo sapiente maestro e con un’altra sparizione simile risalente a quasi un secolo prima.
Da questo momento omicidi inspiegabili, medium, mistificatori, verità occulte, significati nascosti, sogni, incubi e il ricorrente simbolo del serpente sconvolgeranno la vita ordinaria del povero investigatore che si troverà, suo malgrado, catapultato in un mondo di cui non avrebbe mai sospettato l’esistenza.

Cosa ne penso

Il serpente dorato è un romanzo difficilmente incasellabile in un genere preciso.
Giallo sicuramente, al centro della vicenda c’è un investigatore che indaga su un crimine, ma anche thriller, fatti avventurosi che richiedono coraggio e abilità da parte del protagonista, nonché noir, buona caratterizzazione dell’ambiente e volontà di raccontare, spiegare, uno spaccato della società e della natura umana.
E non è tutto. Leggendolo, si avverte forte l’alito dell’onirico, del sovrannaturale mixato ad elementi romantici, tipici del genere gotico.
Insomma, una storia che ha tante sfaccettature e forse proprio per questo non manca di incuriosire e avvincere, spingendo il lettore ad andare avanti. Fin dalle prime battute, infatti, si intuisce cosa possano regalarci queste pagine che, in alcuni casi, sono veri e propri brividi.filmnoir

 

Ho anche molto apprezzato lo sforzo che l’autrice ha profuso nella caratterizzazione dei personaggi, tutti molto ben delineati, e la scrittura, fluida e originale, che si plasma alla vicenda diventando particolarmente importante quando si trascende il reale e si tocca la dimensione fantastica.

Il serpente dorato si legge combattendo fino all’ultima pagina la stessa lotta, vivendo le stesse paure di Darrel che, in fondo, sono un po’ anche quelle di tutti noi.

 

 

stampare-libri

 

Oltre che in libreria potete trovare Il serpente dorato su:
Amazon
IBS
Unilibro

CondividiShare on Facebook9Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero

Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero


Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero

  Chi è Errico Nero Avvolto nel mistero, l’autore si firma con uno pseudonimo. Si sa soltanto che è abruzzese e ama i libri e la musica.   Pubblicato nell’agosto 2017, Un errore di inesperienza rappresenta il suo esordio letterario. Di cosa parla Rebecca Mozic e...

Dentro me, esordio di Matteo Nepi

Dentro me, esordio di Matteo Nepi


Dentro me, esordio di Matteo Nepi

Editore: Pav Edizioni Anno edizione: 2016 Pagine: 200. Chi è Matteo Nepi Nasce a Milano, ma dal 2008 vive a Dublino. Durante gli anni dell’Università (è laureato in Scienze Politiche), tra una lezione e l’altra, inizia a scrivere brevi storie.   “In seguito ricopiai quegli...

Dragon Tears: esordio di Andrea Anedda

Dragon Tears: esordio di Andrea Anedda


Dragon Tears: esordio di Andrea Anedda

Chi è Andrea Anedda Il venticinquenne Andrea Anedda adora la montagna e tutto ciò che riguarda la natura. Lavora come cameriere in un noto ristorante di Cagliari, ma utilizza ogni momento per scrivere, anche poesie.   “ Ormai la scrittura è diventata una necessità...” ci dice...

2 Comments

  1. nazario 5 December 2015
    Rispondi

    Carissima,
    tanti buoni principi: sentimento, originalità, inventiva, passione, ironia, e un cuore che gironzola fra i trionfi della natura. Ho letto e apprezzo. Tanti auguri per la tua bella e intricante avventura letteraria.
    Nazario

  2. Veronica Elisa COnti 7 December 2015
    Rispondi

    Caro Nazario,
    sono davvero felice che ciò che ho scritto ti sia arrivato e che tu lo abbia apprezzato 🙂
    Ti ringrazio molto!

    Veronica

Lascia un commento