Prima teatrale “A tempo” di Nuccio Viglietti

Prima teatrale “A tempo” di Nuccio Viglietti

 

Riflessioni di Nicola Brizio su “A tempo. Rap sinfonietta in quattro movimenti”

 

Quando arriviamo al Caffè Teatro Basaglia l’atmosfera assomiglia già in tutto e per tutto a quella di una grande festa all’interno della quale in compagnia di vecchi amici e perfetti sconosciuti si finisce sempre per iniziare un centinaio di discorsi senza partarne al termine neppure uno.

Si fa spazio in me una curiosità sempre crescente dettata dall’apparente impossibilità di portare sul palco scenico un Listener1romanzo visionario e a tratti illeggibile come “A tempo” il capolavoro del mio amico Nuccio Viglietti. Eppure poi, come per magia, tutti prendono posto nella grande sala, le luci si spengono, Nuccio introduce brevemente l’adattamento della sua opera e Davide Simonetti, giovanissimo artista poliedrico, dotato di una carisma fuori dal comune, cresciuto artisticamente nella Atelier Teatro Fisico di Philip Radice, durante l’esibizione prende per mano ogni singolo spettatore guidandolo per le lande sconfinate della fantasia accompagnato dall’impeccabile chitarra acustica di Ettore Maggese.

 

È sorprendente, è un incantesimo, è qualcosa che nemmeno la mia quasi sconfinata immaginazione avrebbe potuto prevedere. Tra Viglietti e Simonetti la differenza anagrafica è, a dir poco, marcata eppure sembra che il giovane artista torinese sia riuscito più di chiunque altro ad entrare nella mente dello scrittore per portare immagini e situazioni sul palco.

Una serata imprevedibile e, a tratti, incredibile, un gioioso inno all’anticonformismo militante capace di attraversare ogni generazione toccando l’intimo degli animi più sensibili. Torniamo a Bra con la ferma convinzione di aver assistito a qualcosa di sensazionale.

CondividiShare on Facebook3Share on Google+1Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

La solitudine: un’esperienza sociale

La solitudine: un'esperienza sociale


La solitudine: un'esperienza sociale

               Pubblico con piacere queste interessanti riflessioni sulla solitudine a firma di Monica Paggetti (nella foto a sinistra), toscana, Counselor  e consulente di orientamento.         “CI AUGURIAMO DI TROVARE UN PUBBLICO NON CORROTTO E...

Estate 2016: libri da leggere

Estate 2016: libri da leggere


Estate 2016: libri da leggere

Letture non impegnative per rilassarsi sotto l'ombrellone e rifocillare l'anima con buoni sentimenti e belle storie. Ecco i libri da leggere in questo estate 2016!   A proposito di Grace di Anthony Doerr (Rizzoli) Premio Pulizer 2015, questo romanzo commovente sui piccoli...

#soddisfazioni#premiogoldenwoman2016

#soddisfazioni#premiogoldenwoman2016


#soddisfazioni#premiogoldenwoman2016

  (da il quotidiano Il Tirreno del 28 maggio 2016)

Lascia un commento