Guia Risari ci parla di Elia il Camminatore

Guia Risari ci parla di Elia il Camminatore

Guia Risari, traduttrice, scrittrice, nella sua lunga carriera ha pubblicato saggi, romanzi, poesie e libri per bambini.

 

Guja Risari (Ph Fabio Marchisio)

Guja Risari (Ph Fabio Marchisio)

É uscito da poche settimane un interessante libro per l’infanzia dal titolo: Elia II camminatore, illustrato stupendamente da Giulia Rossi ed edito dalle Edizioni San Paolo.

 

Il libro narra una storia che sembra scaturire dalla fantasia di un cantastorie del passato, una favola che passa dal rispetto per gli animali sino a una delle cose più importanti, vale a dire l’amicizia.

 

Un libro che non può mancare nella nostra biblioteca, al pari di altri senza tempo come Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll, Il meraviglioso mago di Oz di L. Frank Baum, Il libro della Giungla scritto dal Premio Nobel per la Letteratura Joseph Rudyard Kipling.

Un ringraziamento speciale a Fausto Bailo che l’ha intervistata per noi e alla Premiata Libreria Marconi di Bra (Cn) che, come sempre, ha collaborato fattivamente.

Quando è nata l’intuizione di realizzare la storia per bambini Elia Il camminatore?

“La storia è nata l’anno scorso, riflettendo sul rapporto tra timidezza, isolamento, paura dell’altro e relazione con gli animali
i quali permettono di ritrovare le radici della socialità e di avvicinarsi quindi senza paura ai pari”.

Per la realizzazione della storia si è basata sulla favole della sua infanzia?

“Nella mia storia c’è naturalmente la fantasia – che credo abbiano molti bambini – di avere accanto tanti animali e
di vivere con loro mille avventure. Ma c’è anche l’esperienza, maturata qualche anno fa, del ruolo che giocano gli animali nella riabilitazione e nella mediazione del rapporto tra sé e gli altri. Non a caso si parla appunto di “riabilitazione con l’ausilio degli animali”, perché il legame che si crea tra animale e persona funge da modello di un buon rapporto con gli altri”.

Quanto tempo è stato necessario per la realizzazione della trama?

“Una volta che stimoli e suggestioni si sono accumulati nella mia coscienza, la trama è nata molto rapidamente, come una necessità”.

Quali sono i punti cardine del racconto?Animale-terapia-delfino-bambino-con-problemi-motori

“I punti cardine del racconto sono l’estrema timidezza di Elia, quasi una ritrosia a creare legami con altri bambini, e il grande amore per gli animali, che si manifesta come accudimento e con il rispetto delle loro esigenze.
Senza rendersene conto Elia,passando tanto tempo in compagnia degli animali, diventa meno impermeabile alla relazione
e trova infine il coraggio di bussare alla porta della vicina, aprendosi quindi a un possibile rapporto con l’altro”.

Quale canzone può accompagnare la lettura del racconto?

“Mi vengono in mente tante melodie, alcune della musica leggera – come Yellow Submarine dei Beatles – altre della musica classica come l’Inno alla gioia di Beethoven. In ogni caso una musica allegra che va in crescendo, come la storia di Elia che si circonda di animali sempre più grandi, poi trova loro una sistemazione e si confronta alla fine con una coetanea. Una musica, insomma, che accompagni nel suo svolgersi questa storia sì allegra, ma con piccole pozze, quasi impercettibili, di paura e melanconia”.

Progetti per il futuro?

“Scrivere un romanzo su un tema molto duro, ma che non distrugga ogni speranza. L’idea è ancora un abbozzo ed è forse prematuro parlarne. In ogni caso sono in gioco la relazione figli-genitori, il ruolo dell’opinione pubblica, della sudditanza rispetto alle apparenze e la violenza dei rapporti familiari. Sarà un romanzo drammatico, quindi mi preparo a soffrire per un po’…”

Post correlati

Il caso Cucchi: parla l’illustratrice Claudia Giuliani

Il caso Cucchi: parla l'illustratrice Claudia Giuliani


Il caso Cucchi: parla l'illustratrice Claudia Giuliani

Come promesso, dopo l'intervista allo sceneggiatore Emanuele Bissattini, quella all'illustratore Domenico Esposito, eccoci a fare due chiacchiere con Claudia Giuliani, l'altra illustratrice che ha firmato la graphic journalism Il Buio – la lunga notte di Stefano Cucchi. Anche per...

Parla Esposito, l’illustratore della graphic jornalism su Cucchi

Parla Esposito, l'illustratore della graphic jornalism su Cucchi


Parla Esposito, l'illustratore della graphic jornalism su Cucchi

 Come promesso, continuano le interviste realizzate con la collaborazione di Fausto Bailo e della Premiata Libreria Marconi di Bra (CN) relative alla graphic Journalism: Il buio. La lunga notte di Stefano Cucchi (Round Robin Ed.) che uscirà  a giorni, firmata...

Il buio, la lunga notte di Stefano Cucchi – ce ne parla lo sceneggiatore

Il buio, la lunga notte di Stefano Cucchi - ce ne parla lo sceneggiatore


Il buio, la lunga notte di Stefano Cucchi - ce ne parla lo sceneggiatore

Nei prossimi giorni uscirà un'interessantissima graphic Journalism dal titolo: Il Buio, la lunga notte di Stefano Cucchi (Round Robin Ed.) firmato dalla giornalista Floriana Bulfon (L'Espresso) e sceneggiato da Emanuele Bissattini con illustrazioni realizzate da Domenico Esposito e Claudia...

Lascia un commento