N°5 non è né un profumo né un mambo

N°5 non è né un profumo né un mambo

Segnalo con piacere questo libro di Katiuscia Girolametti. “Ho deciso di raccontare il mio Mondo, le fragilità, le paure e la forza di una disabilità così feroce. La fortuna di avere un figlio speciale…” ci dice

Katiuscia Girolametti

 

Katiuscia Girolametti romana classe ’84 nel web la conoscono come Katyg conserva sin da bambina la passione per la scrittura, due romanzi pubblicati e il terzo da poco uscito N°5 non è né un profumo né un mambo, edito dalla Echos Edizioni, attualmente 4°posto tra le classifiche ibs libri più venduti in Italia.

 

N°5 non è né un profumo né un mambo

E’ una storia vera di disabilità, totalmente autobiografica dove Katyg narra, per mezzo di un approccio diretto, semplice, crudo e senza mezze misure racconta il suo quotidiano mondo: quello che ruota inarrestabile intorno suo figlio Daniele, super-eroe. Lo scontro tra società e autismo.

 

Post correlati

“Il Signore di Notte” un giallo nella Venezia del 1605

"Il Signore di Notte" un giallo nella Venezia del 1605


"Il Signore di Notte" un giallo nella Venezia del 1605

Chi è Gustavo VitaliNasce a Milano il 4 agosto. "Tralascio l’anno perché su questo argomento sono un tantino riluttante. La foto, non recentissima a corredo dovrebbe lasciare intuire il secolo..." dice, sottolineando che il bambino nella foto è veramente lui. Si trasferisce...

“Memoires” Olga I Korostovetz (1895-1993) Diario di un’epoca

"Memoires" Olga I Korostovetz (1895-1993) Diario di un'epoca


"Memoires" Olga I Korostovetz (1895-1993) Diario di un'epoca

E' stato pubblicato recentemente "Memoires" Olga I Korostovetz (1895-1993) Diario di un'epoca (Pathos Edizioni ) dell'auore Carlo Gastone.Un documento di notevole valenza storica che ha coinvolto numerose personalità fra cui anche il noto studioso e ricercatore professor Nuzgar Ter-Oganov ...

“Quell’agosto del ’59” di Agata Florio

"Quell'agosto del '59" di Agata Florio


"Quell'agosto del '59" di Agata Florio

  “Se avere una mamma significava tutto questo, io non la volevo. Non ne avevo bisogno, avevo capito di avere bisogno di te, Iolanda, non avrei voluto niente di più”.  RECENSIONE A CURA DI Alessandra Di Girolamo © Quanta commozione nel leggere e nel respirare queste pagine...

Lascia un commento