Gordiano Lupi e la Storia della commedia sexy all’italiana

Gordiano Lupi e la Storia della commedia sexy all’italiana

Storia della commedia sexy all’italiana” è un saggio scritto da Gordiano Lupi, un autore che siamo orgogliosi di ospitare nel nostro Blog.

Gordiano-lupiChi è Gordiano Lupi

Gordiano Lupi, scrittore, editore, traduttore, ha tradotto e pubblicato con case editrici importanti quali Stampa Alternativa, Nonsoloparole, Mursia, Profondo Rosso, Bastogi, ha scritto sul quotidiano nazionale La Stampa, ha preso parte ad alcune trasmissioni TV come Cominciamo bene le storie di Corrado Augias (libro Serial killer italiani), Uno Mattina di Luca Giurato (libro Serial killer italiani), Odeon TV (trasmissione sui Serial killer italiani) e La Commedia all’italiana su Rete Quattro (dove ha parlato di Gloria Guida e di commedie sexy).

 

È stato ospite di alcune trasmissioni radiofoniche in Italia e Svizzera per i libri su cinema, Cuba e criminologia. I suoi libri sono oggetto di numerose recensioni e segnalazioni che si possono leggere sul suo sito ww.infol.it/lupi

 

Nel 2014 il suo romanzo Calcio e acciaio è stato uno dei libri finalisti al Premio Strega.

Storia della commedia sexy all’italiana

La commedia sexy all’italiana (detta anche scollacciata o erotica) è un sottogenere della commedia all’italiana. Imperversò dagli anni ’70 fino ai primi anni ’80 quando gradualmente si spense fino a scomparire, nonostante alcuni tentativi andati a vuoto, negli anni a venire, di rivitalizzarla.

Parliamo di un genere cinematografico che ebbe grande successo in Italia, riempì i cinema e riscosse ottimi incassi. La Storia della commedia sexy all’italianacommedia sexy, che presentava numerosi sotto-filoni (come il decamerotico, la variante femminile del poliziottesco, lo scolastico, il militare, il barzelletta-movie e altri) era caratterizzata da sceneggiature più o meno semplici che avevano il fine ultimo di mostrare le prosperose grazie della bella di turno.

 

Queste pellicole, da sempre snobbate da certa critica, sono state sdoganate
negli ultimi anni (grazie anche al Festival di Venezia che nel 2004 ha presentato una retrospettiva italiana dedicata al cinema di serie B), fino a vivere una seconda giovinezza e a essere considerate in alcuni casi film cult.

 

Molti e importanti registi si impegnarono in questo genere di film: Gordiano Lupi, con un’attenta e approfondita analisi, ne ripercorre le tappe cinematografiche, tra descrizioni delle trame, aneddoti, ricordi: un tuffo nel passato, per tornare a un tipo di cinema e a un’Italia che non esistono più.

 

Una serie di foto a colori di attrici (alcune inedite) e di locandine impreziosiscono questo fondamentale saggio sul cinema di genere.

 

 

CondividiShare on Facebook4Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

La trilogia: La maledizione del divoratore di anime

La trilogia: La maledizione del divoratore di anime


La trilogia: La maledizione del divoratore di anime

Chi è Alexander Kainz Nasce a Mirandola (MO), i suoi studi sono di natura economica e si occupa di amministrazione e contabilità all’interno di un Gruppo. Oltre alla scrittura, ha tante altre passioni che in qualche modo sono cibo per la sua fantasia letteraria. Si tiene informato su...

Azzurra dei ciliegi di Stefano Mosele

Azzurra dei ciliegi di Stefano Mosele


Azzurra dei ciliegi di Stefano Mosele

Chi è Stefano Mosele Nasce a Levico Terme, in Trentino, città con la quale ha un rapporto di odio/amore, per sua ammissione: Ho un rapporto complicato con la mia città, dice, per certi versi la cerco, per altri mi allontano, soprattutto quando tento di affermare il mio spirito...

A casa prima del buio: una graphic novel per non dimenticare

A casa prima del buio: una graphic novel per non dimenticare


A casa prima del buio: una graphic novel per non dimenticare

Ottant'anni fa furono emanate Le leggi razziali: era il 14 luglio quando fu pubblicato il tristemente famoso "Manifesto del razzismo italiano" , poi trasformato in decreto il 15 novembre dello stesso anno, con tanto di firma di Vittorio Emanuele III di Savoia.   Settantatre anni fa...

Lascia un commento