“Ci rincontreremo in un giorno d’Aprile” di  Emma White

“Ci rincontreremo in un giorno d’Aprile” di  Emma White


Ci rincontreremo in un giorno d’Aprile

di  Emma White

(Eclypsed Word Publishing)


Dopo il successo de Il tulipano che fiorì tra la neve, storia di guerra e di amore che si è rivelata una delle sue opere più apprezzate con oltre mezzo milione di letture, Susy Vizzo e il suo alter-ego Emma White tornano in libreria con questo romanzo.

Chi è Susy Vizzo, aka Emma White

26 anni, nasce a Caserta. Fin da piccola sviluppa un grande amore per le arti: disegno, canto, musica, ma soprattutto per la letteratura. Diplomata al liceo scientifico, frequenta per due anni l’Università di Lingue e Letterature Moderne Europee alla Federico II di Napoli, ma lascia gli studi per poter completare la formazione da insegnante e istruttrice,

Susy Vizzo, alias Emma White

in modo da poter cominciare a insegnare nella Scuola Guida della sua famiglia. Nonostante il suo lavoro a tempo pieno, continua a coltivare la sua grande passione per la scrittura e, a vent’anni, comincia a pubblicare i suoi lavori. Il suo obiettivo è quello di poter raggiungere, con la forza delle parole, persone con lo spirito affine al suo.

Amante della storia, in particolar modo del Medioevo, Rinascimento e Seconda Guerra Mondiale, scrive il suo primo romanzo Il tulipano che fiorì tra la neve, storia di guerra e di amore che si rivelerà poi una delle sue storie più apprezzate, con più di mezzo milione di letture.
Pubblica il romanzo con Eclypsed Word Publishing nel 2018, ma la sua produzione non si ferma e comincia a pubblicare piccole storie brevi sul sito per giovani scrittori WattPad, con protagonisti ricorrenti a cui ormai la sua famiglia di lettori si è affezionata; fra le storie più amate dai suoi lettori ci sono: Ricordati di meSave me or let me goIl profumo di limoniLa figlia dell’autunno. Questi racconti saranno la base per costruire l’intreccio del secondo romanzo pubblicato su Wattpad nel 2020: Ci rincontreremo in un giorno d’Aprile.

Di che parla

Emma è una ragazza di vent’anni all’apparenza come tante sue coetanee: lavora in una libreria, ha una famiglia, degli amici… e sogni. Sogna continuamente un volto sconosciuto, un soldato degli anni ‘40, un sogno che appare più come un ricordo.

 

Attraverso l’ipnosi regressiva Emma entrerà in questo ricordo, alla scoperta di cosa ha lasciato in sospeso nella sua vita precedente.

Commento

Ho scritto questo libro – ha dichiarato l’autrice – per dare finalmente voce a una storia che mi porto dentro dal 2016. Per me non è stato semplice rendere pubblico ciò che ho sempre gelosamente custodito nel mio cuore, come un segreto troppo prezioso per essere condiviso con chiunque, una storia troppo fragile per essere maneggiata.

Poi, quando ho capito che la scrittura era il più potente dei mezzi a mia disposizione, ho deciso di far conoscere ai miei lettori la storia dietro al personaggio di Emma White, rispondendo a tutte le domande a cui, nel corso degli anni, non ho saputo dare risposta, perché la confusione che aleggiava nei miei pensieri era tale da non riuscire a fornire una spiegazione concreta. Dopo la pubblicazione di questa storia, sono stati centinaia i messaggi che ho ricevuto da persone che hanno vissuto una situazione simile alla mia e mi ringraziavano per aver dato loro la forza di guardare nel loro passato e capire che non erano soli, che non erano strani, ma che c’era qualcuno esattamente come loro con un’anima troppo antica per poter appartenere a una vita sola.

Susy, attraverso il suo alter-ego Emma White, ha dato prova più volte di essere una scrittrice talentuosa, dotata di un animo complesso, capace di scrivere storie con uno stile semplice, ma non per questo meno profonde e avvincenti – ha commentato l’editore Lele Zivillica.

Fin dalla pubblicazione del romanzo in due parti Il tulipano che fiorì tra la neve, era palese che Emma avesse ancora tanto da raccontare. In questo nuovo libro sono affrontati temi molto personali per l’autrice, ma al contempo talmente radicati nelle nostre vite e nel nostro immaginario da diventare universali: i sogni ricorrenti, i ricordi di vite passate, la sensazione che ci sia qualcosa di più di quello che siamo abituati a vedere e sentire e, sopra tutti, l’amore.

Quell’amore talmente potente da superare le barriere dello spazio-tempo e poterci raggiungere sempre e ovunque, magari proprio mentre non lo stiamo cercando, magari quando ce ne eravamo dimenticati l’esistenza… per ritrovarci, forse in un giorno d’aprile, con un leitmotiv molto caro ai lettori di Susy/Emma, in questa vita o in un’altra”.


Commento a cura di Francesca Ghezzani, addetto stampa


 

Condividi:

Post correlati

“L’enigma della psicosi” di Nello Di Micco

"L’enigma della psicosi" di Nello Di Micco


"L’enigma della psicosi" di Nello Di Micco

  L’enigma della psicosi di Nello Di Micco (Brè Edizioni) Chi è Nello Di Micco Psicoanalista e curatore di diverse rubriche di psicologia su magazine nazionali, ospite e opinionista fisso come esperto su temi di psicologia in diverse trasmissioni televisive e...

La verità sulle università in “La mia Lobby” di Tucci

La verità sulle università in "La mia Lobby" di Tucci


La verità sulle università in "La mia Lobby" di Tucci

  La mia lobby di Massimo Arnaldo Tucci (2022, Albatros edizioni) Chi è Massimo Arnaldo Tucci Professore universitario di diritto amministrativo, dopo un periodo di formazione in diverse università del nord Europa (tra Olanda, Francia e Lussemburgo), grazie a borse dì...

“Il libro di Gianni Fortuna” di Lorenzo Di Matteo

"Il libro di Gianni Fortuna" di Lorenzo Di Matteo


"Il libro di Gianni Fortuna" di Lorenzo Di Matteo

Il libro di Gianni Fortuna di Lorenzo Di Matteo (2022, Scatole Parlanti) Chi è Lorenzo Di Matteo Nasce a Roma nel 1979, si diploma al Liceo Classico e poi si laurea in Filosofia (primo livello) presso Roma Tre. Da oltre vent’anni aiuta i ragazzi a studiare e a organizzare la...

Lascia un commento