Sorprese matrimoniali

Sorprese matrimoniali

wedding_ringsSempre in un ridente paesino delle colline grossetane, un’altra coppia, a differenza di Gina e Paolino, si sposò all’età giusta dell’epoca (fra il 1915 e il 1920 ) cioè intorno ai 23 anni lui, qualcosa meno lei. La fanciulla era di buona famiglia, aveva un bel corredo e una dote (si diceva). Si chiamava Palmina, perchè era nata la domenica delle Palme, lui, pensate un po’, Natalino, perchè non era nato proprio per Natale, ma comunque a dicembre e, dato che era il settimo figlio, la fantasia era finita e il padre disse : – tra poco è Natale, chiamiamolo Natalino.

Palmina, come si conveniva, era una giovane morigerata e il fidanzato l’aveva vista solo con lunghi abiti che la coprivano fino alla caviglia. Ma, quando si sposarono, per forza di cose, la vide al naturale e scoprì che aveva le gambe arcuate in modo incredibile. Diciamo che il problema, a grandi linee, fu superato, tanto che la coppia ebbe tre figli e visse lunghi anni insieme.

Però,un decennio più tardi, quando le gonne cominciarono ad accorciarsi considerevolmente, il difettuccio di Palmina, che peraltro aveva un visetto dolce e grandi occhi neri, emerse dall’orlo dei vestiti. Pare che Natalino, quando la vedeva passare ed era insieme agli amici, si sentisse sempre un po’ imbarazzato. E, scuotendo la testa, ripetesse ogni volta : “Vi giuro che non lo sapevo… ”
E mio nonno rideva sotto i baffi

 

Post correlati

Il miracolo della radio

Il miracolo della radio


Il miracolo della radio

  Circa settanta anni fa, mia zia insegnava in un paese vicino Grosseto. A scuola avevano una radio, fatto piuttosto insolito e, a volte, capitava che le maestre facessero ascoltare agli alunni qualche spezzone di programma (erano abbastanza all'avanguardia), cosa che ai...

Anna & Annina – Microstoria di Fulvia Perillo

Anna & Annina - Microstoria di Fulvia Perillo


Anna & Annina - Microstoria di Fulvia Perillo

Un'altra divertente microstoria di Fulvia Perillo...La signora Annina era un’amica di mia nonna che frequentava casa nostra quotidianamente. Si davano del lei, perché allora il tu era riservato ai familiari o alle amicizie risalenti all’infanzia. Invece Annina (il diminutivo...

Vita e opere di Esaù :-)

Vita e opere di Esaù :-)


Vita e opere di Esaù :-)

 Mio zio Alfredo, detto anche il Conte Pelo, aveva molti amici, a partire da quelli d’infanzia come il Dodo per arrivare agli amici del Bar La Vasca, numerosi e variegati, con cui si incontrava quotidianamente per parlare di calcio, automobili e donne. Un caso a parte era quello di...

Lascia un commento