E alla fine c’è la vita, esordio di Davide Rossi

E alla fine c’è la vita, esordio di Davide Rossi

Davide Rossi

Chi è Davide Rossi

 

Davide Rossi è un giovane autore nato e cresciuto in un piccolo paese della provincia di Pavia, Sant’Angelo Lomellina.

 

Nonostante la formazione scientifica, non ha mai smesso di coltivare la passione per il cinema e la scrittura.

Nel 2013 ha scritto, insieme ad altri autori, la sceneggiatura di Benvenuti a casa Verdi (Muccapazza film) oltre a racconti brevi, poesie e saggi.
E alla fine c’è la vita, unione di tutti questi percorsi, è il suo romanzo d’esordio.

 

Di cosa parla E alla fine c’è la vita (Apollo edizioni)

Sullo sfondo di una Pavia universitaria, Davide Rossi racconta le vicende di cinque ragazzi ancora alla ricerca di una loro dimensione personale. Disorientati e spesso persi nell’incertezza esistenziale, i protagonisti sono testimoni di un malessere sociale che sfocia nel sesso, alcool e droga.

Cosa ne penso

Il romanzo, fortemente condizionato dalla passione cinematografica dell’autore, pur mancando delle caratteristiche parti relative alle ambientazioni e alle indicazioni sulle intenzioni dei personaggi, si presenta come una sceneggiatura o testo teatrale.

Espressioni del mondo giovanile che spesso rifiutano la maturità e la formazione, i protagonisti sono i veri interpreti della generazione a cui appartengono.

Ognuno di loro, a modo proprio, si oppone al conformismo che rende incapaci di vedere in modo corretto e disincantato il mondo.

La giovinezza, quindi, come valore simbolico assoluto, proprio per essere il periodo esistenziale durante il quale si dovrebbe programmare la vita.

 

Tuttavia, è proprio la mancanza di sicurezze, la confusione mentale e la paura legata non soltanto al futuro, ignoto e incerto, ma anche alla quotidianità che, portate all’estremo, avvia all’analfabetismo emotivo, all’alessitimia. E l’incapacità di riconoscere la propria e altrui emotività apre le porte alla droga, all’acool e al sesso fine a se stesso.

 

L’autore rappresenta tutto questo attraverso una sequenza di immagini che fanno emergere come questi giovani riescano a cacciarsi nei guai, danneggiare la propria salute, pentirsi di ciò che fanno o non fanno, vivere senza regole, rimanere storditi, tuttavia senza la capacità di abbandonare le pratiche negative. Ma dopo tutto questo, è possibile ripristinare la bussola interiore? 

 

Forse, leggermente acerba in alcune parti, ma sorretta da una scrittura in prima persona ritmata ed emozionale, quest’opera ha il pregio di trasmettere verità attraverso una buona caratterizzazione dei personaggi (che emerge dalla qualità dei dialoghi) e uno stile personale. Un autore e una lettura sicuramente interessanti…

Post correlati

“Solo all’amore puoi dare un nome” di Francesco Giardina

"Solo all'amore puoi dare un nome" di Francesco Giardina


"Solo all'amore puoi dare un nome" di Francesco Giardina

Questa recensione è a cura della scrittrice Lella Sansone, che ringraziamo per la professionalità e puntualità con le quali legge e commenta le opere.Chi è Francesco Giardina Francesco Giardina è un giovane autore nato in Sicilia che sin dalla nascita vive a Serra San Bruno, località...

Gianni Verdoliva, scrittore talentuoso ed eclettico

Gianni Verdoliva, scrittore talentuoso ed eclettico


Gianni Verdoliva, scrittore talentuoso ed eclettico

Con piacere pubblico l'intervista a Gianni Verdoliva, un talentuoso scrittore esordiente.Verdoliva vive e lavora a Torino. Personalità poliedrica, è giornalista pubblicista, scrive per varie testate e collaboracon il mensile Polizia e democrazia, ma anche counsellor professionista...

#ColventoInPoppa: intervista all’autore Fulvio Drigani

#ColventoInPoppa: intervista all'autore Fulvio Drigani


#ColventoInPoppa: intervista all'autore Fulvio Drigani

Fulvio Drigani nasce a Genova, ma cresce a Mantova. Si laurea all’Università Luigi Bocconi di Milano, dopodichè partealla scoperta del mondo. Per lavoro ha vissuto in tutti i continenti e fare l'elenco dei luoghi da lui conosciuti sarebbe una vera impresa! Possiamo citarne...

Lascia un commento