“Una regata mortale” di Editha Aceituna Griffin

“Una regata mortale” di Editha Aceituna Griffin


Una regata mortale
di Editha Aceituna Griffin

(2022, Le Assassine editore)


Chi è

Editha Acetunia Griffin è nata a Gibilterra nel 1876 ed è morta a Kensington nel 1949. Ha scritto più di dodici romanzi tra mysteries e romanzi storici, che hanno trovato risonanza anche in Australia. Della sua vita non si sa molto, a parte il matrimonio con un ufficiale di cavalleria da cui sono nati due figli.

Di cosa parla

Nella placida campagna inglese, dove sorge l’antica Abbazia di Wissingham, Merle, una giovane e bella ereditiera di origine australiana, viene ritrovata senza vita dopo una regata.

Editha Aceituna Griffin

L’amica, Daria Lane, da poco rientrata da un lungo soggiorno in Italia, non si dà pace e non crede alla facile soluzione proposta dalla polizia, che attribuisce la morte a una rapina finita male da parte di un vagabondo. Determinata a trovare il vero colpevole, la giovane indaga dunque sulla nobile e antica famiglia decaduta, di cui Merle è entrata a far parte sposando Leonard e portando in dote un sostanzioso patrimonio, che ha permesso di salvare l’antica magione e i suoi possedimenti dalla rovina.

 

Ma Diana riuscirà ad arrivare a una conclusione nella sua personale inchiesta? Oppure la sua testardaggine la porterà solo a vivere esperienze spiacevoli e la verità sarà quella sostenuta dalla polizia: un criminale non può annidarsi tra i membri di una casata che da secoli dà lustro alla contea?

Commento

Arriva in Italia, per la collana Vintage della casa editrice Le Assassine, questa storia con la traduzione di Costanza Masetti.

In questo periodo in cui si parla tanto della monarchia inglese, mi sembra particolarmente azzeccato questo romanzo di Aceituna Griffin dove con tocco leggero, ma senza privarci della suspense con un finale insolito, ci mostra la mentalità di una certa aristocrazia – ha commentato l’editrice Tiziana Prina.

E poi la descrizione della campagna inglese e dei riti di chi vi abita non possono che deliziare il lettore amante di un’Inghilterra del passato ben impressa nell’immaginario collettivo.

Un romanzo della Golden Age, scritto negli anni Trenta, che racconta di un classico delitto con personaggi appartenenti alle varie classi sociali, e uno sguardo sul mondo esclusivo dell’upper class, fatto di rigide regole e formalità.


Francesca Ghezzani, giornalista e addetta stampa


 

Condividi:

Post correlati

‘Lucrezia, la doppia vita di una Borgia’ di Antonio De Cristofaro

'Lucrezia, la doppia vita di una Borgia' di Antonio De Cristofaro


'Lucrezia, la doppia vita di una Borgia' di Antonio De Cristofaro

Lucrezia, la doppia vita di una Borgia di Antonio De Cristofaro (Aurea Nox, 2023 ) Chi è l’autore Vive a Corbetta in provincia di Milano, è sposato ed ha un figlio, ma nasce a Bellona, in provincia di Caserta, nel 1955. Studia e si laurea all’Istituto Orientale di Napoli in...

‘Un furto incredibile. Chi ha rubato i miei ovociti?’ di Giuseppe Valenti

'Un furto incredibile. Chi ha rubato i miei ovociti?' di Giuseppe Valenti


'Un furto incredibile. Chi ha rubato i miei ovociti?' di Giuseppe Valenti

Un furto incredibile. Chi ha rubato i miei ovociti? di Giuseppe Valenti (2023, Spazio Cultura) Chi è Giuseppe Valenti Valenti, stimato ginecologo che lavora principalmente fra Sicilia e Toscana, è specializzato nella procreazione medicamente assistita. E ha dunque attinto anche...

‘Cave Canem’ di Michele Castrucci

'Cave Canem' di Michele Castrucci


'Cave Canem' di Michele Castrucci

Cave Canem di Michele Castrucci (Di Leandro & Partners, 2024) Chi è Michele Castrucci Nasce a Roma dove vive con la propria famiglia. Dal 2002 si dedica con crescente passione e successo alla narrativa thriller e spy story. Nelle sue storie, l’autore ha uno stile immediato...

Lascia un commento