Una strana carrozza, sorprese di fine ‘800

Una strana carrozza, sorprese di fine ‘800

I miei bisnonni materni-materni, intendendo con questo i genitori della madre di mia madre, si chiamavano Candido ed Emilia, detta Miglina, perchè era piccolissima e minuta. Vivevano a Campagnatico ed erano nati negli anni ’60 (ma del 1800!), credo lui nel ’63 e lei nel ’66.
Un giorno, erano già sposati e con tutti e tre i figli, ma non so dire che anno fosse, Candido (che generalmente era calmo e pacato) arrivò correndo come un pazzo per le strade del paese nel negozio di alimentari e mescita del vino che gestiva con la moglie : “Miglina, Miglina!” urlava . Lei, preoccupatissima, si asciugò le mani sempre indaffarate nel piccolo grembiule bianco. Forse i bambini si erano fatti male? “Miglina -lui sudato e tremante- c’è una carrozza senza cavalli!”
Era arrivata la prima automobile a Campagnatico.

auto

Post correlati

Il miracolo della radio

Il miracolo della radio


Il miracolo della radio

  Circa settanta anni fa, mia zia insegnava in un paese vicino Grosseto. A scuola avevano una radio, fatto piuttosto insolito e, a volte, capitava che le maestre facessero ascoltare agli alunni qualche spezzone di programma (erano abbastanza all'avanguardia), cosa che ai...

Anna & Annina – Microstoria di Fulvia Perillo

Anna & Annina - Microstoria di Fulvia Perillo


Anna & Annina - Microstoria di Fulvia Perillo

Un'altra divertente microstoria di Fulvia Perillo...La signora Annina era un’amica di mia nonna che frequentava casa nostra quotidianamente. Si davano del lei, perché allora il tu era riservato ai familiari o alle amicizie risalenti all’infanzia. Invece Annina (il diminutivo...

Vita e opere di Esaù :-)

Vita e opere di Esaù :-)


Vita e opere di Esaù :-)

 Mio zio Alfredo, detto anche il Conte Pelo, aveva molti amici, a partire da quelli d’infanzia come il Dodo per arrivare agli amici del Bar La Vasca, numerosi e variegati, con cui si incontrava quotidianamente per parlare di calcio, automobili e donne. Un caso a parte era quello di...

Lascia un commento