Intervista allo scrittore e poeta Iuri Lombardi

Intervista allo scrittore e poeta Iuri Lombardi


“Fa una scelta di buoni autori e contentati di essi per nutrirti del loro genio se vuoi ricavarne insegnamenti che ti rimangano. Voler essere dappertutto e come essere in nessun luogo. Non potendo quindi leggere tutti i libri che puoi avere, contentati di avere quelli che puoi leggere.”

Lucio Anneo Seneca


Prendiamo spunto da questa frase di Seneca per parlarvi di Iuri Lombardi, poeta scrittore saggista e drammaturgo che approda, insieme ad altri compgni, nella Fondazione di Yawp – L’urlo barbarico. Nel 2020 esce il libro I banditori della nebbia edito LFA Publisher.

E’ di pochi mesi fa la sua ultima fatica letteraria: Le Ceneri dell’ingerenza (Edizioni Terra d’ulivi).


Lei preferisce essere definito uno scrittore oppure un poeta?

“Mi definisco un autore di versi non un poeta, i poeti appartengono per forza di cose a un trascorso, a un passato. Mi definisco ciò che per ragioni anagrafiche non posso più essere. La poesia è un impulso vitale e una assentazione, una messa tra parentesi che è un atteggiamento, per non dire un’attitudine giovanile. Quando si è adulti si sconfina nel narrare quindi nell’essere più scrittore che poeta. Alla fine dei salmi, vista l’importanza delle due figure, del poeta da una parte e dello scrittore dall’altra, mi definisco un umile artigiano della parola, semplicemente un autore”.

Iuri Lombardi

Qual è la sua giornata tipica da scrittore?

“Credo non ci sia una giornata tipica. Vivo la vita come una lotta alla sopravvivenza, come tanti miei simili forse alla ricerca di un sé, di un me stesso sempre sfuggente e introvabile”.

Quali sono gli argomenti ispiratori delle sue poesie?

“Un elemento fondante della mia poesia è l’amore per l’uomo e le sue fragilità, l’essere parte del mondo, l’intrecciarsi delle occasioni e dei contesti, l’amore per la vita sia terrena sia di altra dimensione; quel senso di essere irriconoscibile pur assomigliando sempre a me stesso”.

Come è nato il libro: Le Ceneri dell’ingerenza?

“Come tanti altri miei libri. Scrivendo come faccio da sempre, alternando periodi di narrativa a periodi di poesia. In particolare questo libro è il compimento ideologico e protocollare di una ‘riforma personale’ a livello stilistico che ho cominciato con Il Sarto di San Valentino, una raccolta di diversi anni fa”.

Secondo lei, come è lo stato della poesia oggi?

La poesia gode di ottima salute. Ci sono poeti giovanissimi della generazione 2000 che pubblicano cose interessanti e innovative. Fanno vera poesia. Sta invece morendo, in quanto massificata, la trasmissione della poesia, un atto che viene elargito e sviluppato con un crimine che tutti i giorni gli editori commettono. In altre parole, ci sono poeti ma sono assenti i veri e seri editori. La poesia è in salute ma manca l’autenticità della sua trasmissione”.

Sogni nel cassetto.

“Continuare a vivere, talvolta sopravvivendo, talvolta scrivendo”.


Intervista a cura di Fausto Bailo, promotore culturale, e della Premiata Libreria Marconi di Bra (CN)


 

Condividi:

Post correlati

‘La mappa del Pirata’: intervista all’autore Giacomo Pellizzari

'La mappa del Pirata': intervista all'autore Giacomo Pellizzari


'La mappa del Pirata': intervista all'autore Giacomo Pellizzari

La mappa del Pirata. Guida sentimentale ai luoghi di Pantani di Giacomo Pellizzari (Cairo Editore, 2024) Tra poche ore, esattamente il 4 maggio, prenderà il via la 107° edizione del Giro D'Italia, una manifestazione che ha appassionato ed ancora appassiona migliaia di persone...

‘Paperoga e una sorpresa per la testa’: intervista al fumettista Giovanni Preziosi

'Paperoga e una sorpresa per la testa': intervista al fumettista Giovanni Preziosi


'Paperoga e una sorpresa per la testa': intervista al fumettista Giovanni Preziosi

Sono innumerevoli le storie del settimanale Topolino che da decenni appassionano i lettori. Avventure incredibili in compagnia dell'allegra brigata Disney. Oggi vi parliamo di Paperoga e una sorpresa per la testa, al quale hanno lavorato lo straordinario Carlo Panaro e Giovanni Preziosi che...

Fumetti: intervista all’illustratore Danilo Barozzi

Fumetti: intervista all'illustratore Danilo Barozzi


Fumetti: intervista all'illustratore Danilo Barozzi

Il settimanale Topolino ha fatto crescere lettori di più generazioni, regalando una miriade di belle storie e personaggi. Paperon de' Paperoni, nato dalla fervida fantasia di Carl Barks nel 1947, è fra i più amati. . Per questo siamo felici di intervistare l'illustratore Danilo Barozzi...

Lascia un commento