“Viera, un’italiana del ’23” ultima fatica di Paola Mattioli

“Viera, un’italiana del ’23” ultima fatica di Paola Mattioli

Editore: Pendragon
Anno edizione: 2018
Euro: 14,00

Paola Mattioli durante una presentazione

Chi è

Paola Mattioli è nata a Bologna nel 1962. Il padre dermatologo lavorava anche privatamente con la collaborazione della figlia, che prendeva gli appuntamenti, e la moglie Viera che faceva da assistente e infermiera. Cresciuta con la sorella Silvia in una famiglia allargata, insieme ai nonni materni e paterni, Paola si affranca dalla rigida educazione quando inizia a frequentare l’istituto magistrale.

È in quel periodo che scopre la magia della scrittura, della poesia in particolare.
Dopo il diploma di assistente di comunità infantili e anni di precariato, viene assunta dal Comune di Bologna e abbandona la sua passione. Riprende a scrivere poesie dopo la morte della madre nel 2006. La sua produzione è pubblicata in tre raccolte: “Vorrei” del 2012, “Al di là del cielo”, uscito nel 2015, “A piccoli passi”, del 2017. “Viera un’italiana del ’23”, pubblicato da Pendragon nel 2018 è la sua ultima fatica.

Di cosa parla il libro

Il libro è la biografia di Viera Bruni, la madre dell’autrice, scritta partendo da un piccolo diario con la copertina verde che un giorno salta magicamente fuori da un cassetto. Paola comincia a leggere, e più va avanti, più prende forma in lei la voglia di raccontare la storia “esemplare” di una donna italiana, nata all’inizio del ventennio fascista, cresciuta nella Romagna rurale e rossa, in una famiglia come allora ce n’erano tante, allargata e numerosa. Otto persone che condividevano gli spazi e il tempo, tra inevitabili scontri generazionali, l’iperprotettività di Viera nei confronti di Paola, cagionevole di salute.

 

La storia si apre con la premessa dell’autrice che spiega come è nato il libro, leggendo gli appunti e ricordi della madre, che Paola trascrive e aggiorna, perché le persone a lei care possano ricevere la testimonianza di una vita e trarne insegnamento. Il libro è diviso in due parti, il diario di Viera vero e proprio nella prima, il ricordo che Paola ha della madre, arricchito dagli aneddoti e delle storie raccontate da chi Viera l’ha conosciuta, nella seconda. L’autrice ha anche voluto mettere una serie di foto, alcune d’epoca, che ritraggono i membri della grande famiglia Mattioli-Bruni in diversi anni, situazioni e circostanze, insieme a pubblicazioni, disegni, documenti inediti.

Cosa ne penso

(Foto da www.patriaindipendente.it)

(a cura di Lina Senserini)

Definire il libro di Paola Mattioli una biografia è troppo semplice e riduttivo. Certo, lo è tecnicamente, ma l’operazione dell’autrice è molto di più che raccontare la vita di sua madre. Il diario in cui Viera Bruni ha annotato ricordi, esperienze e riflessioni è stato trascritto da Paola con la forza dell’amore e il rimpianto per questa donna straordinaria, scomparsa nel 2006, che la stessa autrice, nel suo sito, definisce «una casalinga, romagnola di Alfonsine, in provincia di Ravenna, chiacchierona e apprensiva che assecondava il marito nell’educazione iperprottettiva delle due figlie e in particolare della minore Paola».

Si sente in ogni modulazione delle parole e soprattutto nella seconda parte “Commenti della figlia Paola”, il vuoto che ha lasciato in lei. Si sente l’ammirazione e il desiderio di trasferire ai lettori la sua storia, che fin dall’inizio lascia immaginare un percorso durissimo, anche se la vita per lei è stata meno pesante, almeno nelle cose pratiche, di quella di molte donne sue coetanee. «Sono nata il 24 gennaio del 192… (l’ultimo numero è solo mio) in via Mameli 13, una strada di paese che costeggia il fiume Senio, ad Alfonsine, un paese della bassa Romagna – annota Viera ne suo diario – ma mio padre mi registrò il giorno dopo perché era indispettito dal fatto che fosse nata una femmina. Diceva che le femmine erano dei problemi, tuttavia col tempo si è completamente dimenticato e pentito di averlo pensato».

La forza di Viera è già in queste prime righe, anche se non è stata sufficiente ad affrancarla dal marito ingombrante e decisionista, per quanto profondamente amato, da genitori e suoceri troppo presenti, che alla fine l’hanno portata a trasferire nelle due figlie tutte le contraddizioni tra il suo carattere e la sua intelligenza, la società del tempo, i tabù anacronistici, che, dice la stessa Paola, hanno così fortemente influenzato la sua vita. Una donna “sbagliata, forse, per il tempo in cui viveva. A partire dal nome che, si legge nell’incipit della seconda parte, «voleva essere Vera, ma si sbagliarono e scrissero Viera». Viera che alla fine si arrende, piegata dai dolori a cui non riuscirà più a reagire.

Sullo sfondo di questa storia familiare, la Romagna contadina, vivace e ricca di umanità, devastata dalla guerra il primo evento a fiaccare il temperamento forte e battagliero di Viera, che tra le sue annotazioni butta là riflessioni universali e senza tempo sul senso della vita: un’attesa, la definisce. «In tutti i tempi c’è sempre un’attesa anche di cose buone, e dico a me stessa, per rincuorarmi, che ci vogliono tanta pazienza, coraggio, umiltà e fede in Dio». Intorno alla madre, i membri della famiglia, il marito Paolo, i genitori e i suoceri, soprattutto il padre Silvestro, altra figura determinante per la vita della protagonista, poi amici, compagni di scuola, semplici conoscenti.

Alla fine, il libro è un breve romanzo storico, che lo stile semplice e scorrevole di Paola aiuta ad apprezzare ancora di più, da leggere tutto d’un fiato, esempio della metafora della vita di ognuno di noi.


 

Post correlati

“Indiana libera tutti” esordio di Francesca Lenzi

"Indiana libera tutti" esordio di Francesca Lenzi


"Indiana libera tutti" esordio di Francesca Lenzi

Segnaliamo Indiana libera tutti, romanzo d'esordio di Francesca Lenzi  nata a Piombino nel 1978. Un classico romanzo di formazione, scritto benissimo, che parla della crescita di una ragazzina di provincia. L'autrice descrive perfettamente gli stati d'animo che accompagnano...

“La stanza buia” il nuovo romanzo noir di Daisy Raisi

"La stanza buia" il nuovo romanzo noir di Daisy Raisi


"La stanza buia" il nuovo romanzo noir di Daisy Raisi

Chi è Daisy Raisi Ha cominciato a scrivere all'età di otto anni. Poesie, piccoli racconti, storie di vario genere. Adorava fantasticare, creare, e, sotto questo profilo, non è mai cambiata. Ha al suo attivo studi umanistici e collaborazioni con giornali, agenzie di informazione, associazioni...

“Storia di una vita d’amore” il nuovo romanzo di Carlo Sorgia

"Storia di una vita d'amore" il nuovo romanzo di Carlo Sorgia


"Storia di una vita d'amore" il nuovo romanzo di Carlo Sorgia

Sta per uscire in libreria Storia di una vita d'amore l'ultimo, intenso, romanzo di Carlo Sorgia e noi lo abbiamo letto e recensito in anteprima...Chi è Carlo Sorgia Cagliaritano, Carlo Sorgia prima di dedicarsi completamente alla scrittura è stato dirigente di banca ed...

Lascia un commento