Il cercatore di stelle, nuovo romanzo di Alessandro Pugi

Il cercatore di stelle, nuovo romanzo di Alessandro Pugi

alessandro pugiRecentemente è uscito Il cercatore di stelle (Book Sprint), il nuovo romanzo di Alessandro Pugi (nella foto a sinistra) del quale ho recentemente recensito su questo Blog Il colore del cielo.

Scrittore sensibile ed impegnato nella lotta contro qualsiasi tipo di razzismo e sopruso che diventa una vera e propria responsabilità sociale, amante dell’amore ma anche della vita nuda e cruda, anche questa volta ha fatto centro, riuscendo a far emozionare chi legge.

 

DI COSA PARLA

Matthew Coleman, il protagonista di Il cercatore di stelle, è costretto dall’improvvisa morte del padre a ritornare a Maine Road, la proprietà di famiglia in mezzo alle pianure del Minnesota.il cercatore di stelle
Non è facile per lui rimettere piede in quella casa dopo vent’anni di assenza, dieci dei quali trascorsi in carcere ma, chiamato dall’avvocato di suo padre, non se la sente di mancare all’ultimo appuntamento.
Il ritrovare persone conosciute e in fondo mai perse, luoghi familiari e una donna speciale, lo aiuterà nel tanto temuto percorso a ritroso nel tempo.

 

COSA NE PENSO

Ammetto francamente che ho apprezzato fin dal primo momento il modo di scrivere pulito e emozionante di Alessandro Pugi e la sua abilità nel “confezionare” storie credibili e toccanti.
Anche questa storia coinvolge immediatamente il lettore al quale non concede tregua. Una volta iniziata, è difficile staccarsene per il susseguirsi di accadimenti, tanto che a volte assume le caratteristiche di un vero e proprio giallo.

Il cercatore di stelle

La figura del protagonista di Il cercatore di stelle è delineata in modo eccellente: un uomo tormentato da un passato doloroso, da un taglio profondo che non ha mai smesso di sanguinare ma che, tuttavia, attraverso il perdono e l’accettazione delle proprie debolezze riuscirà a metabolizzare e comprendere il passato trasformandolo in qualcosa di positivo che lo aiuterà ad alessandro pugiaffrontare la vita.
Ed infatti, pur accorgendosi di provare ancora la stessa sofferenza, Matthew Coleman riesce alla fine a chiudere il coperchio dell’abisso in cui spesso precipita e ad aprirsi con animo sereno al futuro.

 

Molto intense sono anche le descrizioni dell’ambiente che ci portano nella bellezza delle pianure e dei tramonti di una terra ancora per molti versi incontaminata, diventando così un altro importante protagonista del romanzo.

Alla fine della lettura, la cosa più bella rimane comunque la sensazione di essere stati veramente in quei luoghi e la grande nostalgia per i protagonisti di questa vicenda nella quale ognuno di noi, pur in contesti diversi, può riconoscersi.

Post correlati

“500 chicche di riso” e torna il sorriso

"500 chicche di riso" e torna il sorriso


"500 chicche di riso" e torna il sorriso

Chi è Alessandro Pagani Alessandro Pagani vive a Firenze, dove è nato e dove lavora presso l'Azienda Sanitaria. Oltre che di poesia e scrittura, è appassionato di musica. Nel 1989 inizia un percorso come musicista con svariati gruppi tra i quali gli Stropharia Merdaria, i...

Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado

Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado


Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado

Chi è Ramona Corrado Nasce a Lecce, nella seconda metà del secolo scorso, a cavallo tra il boom economico e l'Austerity, ma abita in Veneto da più di trent'anni. “Ormai mi ritrovo piuttosto confusa sulla mia vera natura,” ci dice ”non ho una inflessione particolare nel...

La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel

La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel


La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel

Negli ultii mesi sono state numerose le graphic novel degne di nota. Tra queste vi è senza dubbio quella dedicata alla figura di Cosimo De' Medici realizzata dallo sceneggiatore Alex Lucchesi e dall'illustratore Davide Susini (edita Kleiner Flug) . Impresa non facile, quella di...

Lascia un commento