“Il sarto di Parigi” di Marius Gabriel

“Il sarto di Parigi” di Marius Gabriel


Il sarto di Parigi

di Marius Gabriel

(2019, Newton Compton Editore)


Chi è Marius Gabriel

È stato definito da Cosmopolitan uno scrittore capace di tenerti inchiodato alle pagine mentre la tua cena si sta bruciando. Ha finanziato i suoi studi presso la Newcastle University pubblicando sotto pseudonimo oltre trentatré romanzi d’amore. È nato in Sudafrica, ma ha vissuto e lavorato in moltissimi Paesi, e adesso vive tra Londra e il Cairo.

Di cosa parla

La giovane americana Oona Reilly, detta Copper per la sua folta chioma color del rame, si trova a vivere a Parigi nel 1944, dove ha seguito il marito, affascinante e scapestrato, ma soprattutto infedele e bugiardo.

 

La ragazza, comunque, a causa di una serie di eventi, si trova a scrivere articoli giornalistici interessanti e a venire a contatto con un mondo totalmente diverso da quello a cui era abituata.

 

Ma soprattutto, e questo è il fulcro della storia, diventa amica di Christian Dior, già talentuoso, ma non celebre.

Cosa ne penso

Le vicende di Copper si intrecciano con quelle dell’alta moda parigina che sta rinascendo dopo la guerra e con una serie di bizzarri personaggi, alcuni realmente esistiti (Hemingway, Picasso, Balmain, lo stesso Dior, la sorella di quest’ultimo, Catherine) ed altri creati dalla fantasia dell’autore.

La vita sentimentale e quella lavorativa della ragazza subiranno mutamenti radicali, attraverso esperienze dolorose, ma anche entusiasmanti rinnovamenti.

Fa da sfondo la situazione storica del momento di passaggio tra gli orrori della guerra e del nazismo e ciò che faticosamente sta germogliando.

Un libro scritto in modo semplice e scorrevole, personaggi (Copper e Dior, principalmente, ma non solo) che catturano e appassionano.

Una lettura piacevole e distensiva, dunque, non troppo impegnativa, ma sicuramente adatta a trascorrere qualche ora tra le vie di Parigi e gli abiti colorati e preziosi di Christian Dior.


Recensione a cura di Fulvia Perillo, scrittrice e promotrice culturale


 

Condividi:

Post correlati

‘Se devo essere una mela’ di Emma Saponaro

'Se devo essere una mela' di Emma Saponaro


'Se devo essere una mela' di Emma Saponaro

Se devo essere una mela di Emma Saponaro (2022, Les Flaneurs Edizioni) Chi è Emma Saponaro Romana, è laureata in pedagogia ed esperta nelle tematiche dell’adozione, su questo tema ha tenuto cicli di lezioni. È stata coordinatrice del Comitato di redazione della rivista...

“Spare – Il minore” di Prince Harry  

"Spare - Il minore" di Prince Harry  


"Spare - Il minore" di Prince Harry  

  Spare - Il minore di Prince Harry   (Mondadori 2023) SPARE La storia di un principe appiedato Faccio poche recensioni librarie, trovo che il tempo speso per parlare dei libri di altri autori lo investo meglio lavorando sui miei inediti o scrivendo articoli su temi...

“La Receptionist – 26 ore per danzare nel tempo” di Alessio Vagaggini

"La Receptionist – 26 ore per danzare nel tempo" di Alessio Vagaggini


"La Receptionist – 26 ore per danzare nel tempo" di Alessio Vagaggini

La Receptionist – 26 ore per danzare nel tempo di Alessio Vagaggini (2022, Chance Edizioni) Chi è Alessio Vagaggini Alessio Vagaggini è nato il 25 Dicembre 1991 ad Arezzo. Nomade per indole, ha vissuto tra Italia, Belgio e Spagna, occupandosi di progetti ed istituzioni europee...

Lascia un commento