“Delirium 2049” viaggio nel futuro di Fabio Panebianco

“Delirium 2049” viaggio nel futuro di Fabio Panebianco

Fabio Panebianco

Fabio Panebianco, scrittore e poeta, esordisce nel non lontano 2008 con La ballata delle anime nere, prosegue poi con Il suono dei tristi pentiti (2010), La profezia del platinum tribus (2012), Disegno di sangue sopra le torri (2014), Predatori (2016) per giungere a Delirium 2049 (2019).

 

La sua penna ricorda quella del padre del genere fantascientifico Isaac Asimov ed è grazie a persone come lui che Il fuoco della cultura arde costantemente sopra la Zizzola…

 

Ancora una volta grazie a Fausto Bailo e alla Premiata Libreria Marconi di Bra (Cn) che hanno reso possibile questa intervista.

Quali sono stati i suoi libri preferiti durante l’adolescenza?

Iliade, Odissea, Divina Commedia, Il conte di Montecristo, I cavalieri della tavola rotonda, Il santo graal“.

Per creare l’ambientazione ha tratto ispirazione dal libro scritto da George Orwell: 1984?

“No”.

Come è nato il personaggio del romanzo Fabio Panebianco?

“È nato per scherzo, nei miei racconti io entro in un mondo parallelo ed, essendo talmente immedesimato all’interno della trama, non riesco a delegare le azioni ad un altro personaggio all’infuori di me”.

A cosa servono gli World Eyes che vengono citati del romanzo?

I world eyes servono per ricreare una realtà desiderata: per le nuove generazioni non conta qual è il confine tra realtà ed illusione, a loro importa solo che l’apparenza stimoli piaceri immediati“.

 

Ha scritto altri libri in precedenza?

“Si, ho scritto altri 5 libri: tutti hanno una storia differente e riportano le avventure di Fabio Panebianco“.

 

Quale musica potrebbe accompagnare la lettura del suo romanzo?

“La musica migliore che potrebbe accompagnare il romanzo Delirium 2049 è un genere pop/rock: essendo ambientata nel futuro vedrei bene uno stile tipo depeche mode. In aggiunta anche alla trama pessimistica, starebbe bene in più l’ultimo album dei Litfiba, dal nome Eutopia, rientrando in un rock sanguigno di protesta”.

Post correlati

Angelica Massera: “Un figlio è poco e due son troppi”

Angelica Massera: "Un figlio è poco e due son troppi"


Angelica Massera: "Un figlio è poco e due son troppi"

Dagli occhi delle donne derivo la mia dottrina: essi brillano ancora del vero fuoco di Prometeo, sono i libri, le arti, le accademie, che mostrano, contengono e nutrono il mondo. (William Shakespeare)  Angelica Massera, attrice, web creator protagonista sui social con...

L’inferno di Dante, intervista all’illustratore

L'inferno di Dante, intervista all'illustratore


L'inferno di Dante, intervista all'illustratore

Dopo  l'intervista  allo sceneggiatore Cristiano Zuccarini , ecco, come promesso, quella all'illustratore Ernesto Carbonetti. A questo formidabile duo, dobbiamo la graphic novel L'inferno di Dante. Come sempre, grazie a Fausto Bailo e alla Premiata Libreria Marconi di Bra...

L’inferno di Dante in un fumetto

L'inferno di Dante in un fumetto


L'inferno di Dante in un fumetto

Chi non conosce la Comedìa, o Commedia, conosciuta soprattutto come Divina Commedia?  L'opera di Dante ormai universale che ha incuriosito studiosi e ispirato artisti come Gustave Doré, Salvador Dalì o Renato Guttuso, tanto per fare qualche nome... Nell'aprile di quest'anno una...

Lascia un commento