Quarantena Roma, il nuovo libro di Dario Giardi

Quarantena Roma, il nuovo libro di Dario Giardi

Quarantena Roma
di Dario Giardi (Robin Edizioni, 2018, pagg.177)

Dario Giardi

Chi è Dario Giardi

Dottore di ricerca in campo energetico ambientale, oltra alla professione ufficiale, ama molto la scrittura, l’archeologia misteriosa e la fantascienza.

 

“Essendo molto curioso per natura, oltre che gemelli nello zodiaco, mi annoio facilmente e mi piace sperimentare,” ci dice “ infatti sono sempre alla ricerca di idee e storie che possano dare al lettore qualcosa di nuovo.”

 

Ha iniziato a scrivere come autore di guide turistiche e ciò gli ha dato l’opportunità di conoscere luoghi inesplorati e storie nascoste che poi hanno ispirato i primi suoi libri.

Ha pubblicato saggi e romanzi fra i quali La ragazza del faro e il thriller Dna, ambedue per Leone Editore.

 

Finalista al Premio Urania Short, è tra i fondatori del Collettivo Italiano di Fantascienza.

Di cosa parla Quarantena Roma

Il romanzo si svolge nell’anno 2100 a Roma, anche se un passato relativamente vicino, intorno al 2066, svolge un ruolo importantissimo nello svilupparsi della storia. E’ infatti in quest’anno che sul Monte dei Cocci, nel Rione storico di Testaccio, il nonno di Flavio, il protagonista, fa una scoperta archeologica particolare che tanto avrà a che fare con la vicenda.

Inizia tutto con una notte da incubo: aggressioni e omicidi come mai si era visto nell’arco di poche ore. Flavio è costretto a casa da una brutta febbre, ma nel dormiveglia riesce a sentire il suono delle sirene che ha preso il posto del silenzio dei motori elettrici e a percepire qualcosa di strano.

Mentre combatte con vicende sentimentali, il fidanzamento con Greta è piuttosto in crisi, si rende conto, prima superficialmente, poi constatandolo di persona, che qualcosa di inquietante sta accadendo in città. Una specie di isteria collettiva sta contagiando tutti, rendendo le persone aggressive e pericolose anche nei confronti dei familiari.
In questo marasma, Flavio trova per caso Emma, e la salva dal padre che, ormai con la mente fuori controllo, tenta di ucciderla. Un incontro che si rivelerà particolarmente significativo…

“Si vede quanto ancora sia sconvolta per quello che ha vissuto. Sembra il fantasma di una sirena dal cuore spezzato, eppure conserva una luce negli occhi, una luce che è stata capace di farmi dimenticare Greta e il nostro importante appuntamento.”

Si scopre ben presto che tutto parte da una febbre che innesca il virus infettante. Gli esseri umani si trasformano così

Roma

in persone impazzite, pericolose e forti come zombie.

La situazione peggiora velocemente e, solo dopo pochi giorni, Roma è sconvolta e deserta. I pochi che osano avventurarsi per le strade, lo fanno all’alba, quando gli infetti concedono a tutti una breve pausa.Intanto il protagonista, con un gruppo di amici, tenta di sopravvivere nascosto in una zona isolata della città.

E mentre il contagio si espande ben oltre i confini della città, Flavio, Emma e i suoi amici, si trovano invischiati in una storia dove Città del Vaticano, fede, leggenda e la scoperta misteriosa fatta al Testaccio tanti anni prima, giocano un ruolo di primo piano.

Cosa ne penso

Definire come genere questo romanzo non è facile: thriller, horror o fantascienza?
Del thriller ha sicuramente la suspense e la tensione, dell’horror gli aspetti che alimentano le paure ancestrali radicate nell’inconscio collettivo di tutti noi e l’ambientazione nel futuro, anche se non troppo lontano, lo rendono un romanzo di fantascienza a tutti gli effetti, con annessi e connessi.

Derren Brown Apocalypse

Un mix che, comunque, non è raro trovare ormai in letteratura, dove i generi sono sempre meno “puri” e le contaminazioni all’ordine del giorno.

 

C’è però qualcosa che rende questa storia diversa dalle altre. Innanzi tutto l’ambiente, molto simile a quello in cui viviamo, a parte inevitabili cambiamenti dovuti all’evolversi della tecnologia. E poi la datazione, anche questa vicinissima, in fondo il 2066 o il 2100 sembrano proprio dietro l’angolo. Niente di eclatante, nemmeno nei personaggi, che potrebbero essere i nostri vicini di oggi: stesse pulsioni e paranoie, aneliti e sentimenti, quasi a dimostrare che l’essere umano, in questo senso, continua ad essere simile ai suoi antenati, nonostante l’evoluzione del suo livello cognitivo.

 

Personaggi realistici, quindi, ben calati in una città che, nonostante le connotazioni fantascientifiche, non si distacca poi molto dalla Roma che conosciamo.

Altro pregio dell’opera è il competente approccio al problema dei cambiamenti climatici. Forte delle sue conoscenze professionali e di validi aiuti esterni, l’autore inquadra bene il problema che già oggi ci affligge e lo proietta nel futuro, e nella vicenda narrata, con una credibilità eccellente.

Un romanzo scorrevole fino alla fine, supportato da una scrittura veloce, capace di creare immagini curate e di incuriosire. Interessante la parte più ricca di adrenalina, quella degli scontri con gli uomini/zombie, dove la tensione rimane sempre alta, impedendo al lettore di rilassarsi e abbassare la guardia.

Dario Giardi si dimostra abile anche nell’inserire aspetti misteriosi, legati al ritrovamento di reperti durante alcuni scavi archeologici, dando forza alla storia e aumentando quella serpeggiante inquietudine che pervade tutto il romanzo.

 

Una lettura sicuramente consigliata, e non solo agli amanti del genere.

Post correlati

“500 chicche di riso” e torna il sorriso

"500 chicche di riso" e torna il sorriso


"500 chicche di riso" e torna il sorriso

Chi è Alessandro Pagani Alessandro Pagani vive a Firenze, dove è nato e dove lavora presso l'Azienda Sanitaria. Oltre che di poesia e scrittura, è appassionato di musica. Nel 1989 inizia un percorso come musicista con svariati gruppi tra i quali gli Stropharia Merdaria, i...

Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado

Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado


Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado

Chi è Ramona Corrado Nasce a Lecce, nella seconda metà del secolo scorso, a cavallo tra il boom economico e l'Austerity, ma abita in Veneto da più di trent'anni. “Ormai mi ritrovo piuttosto confusa sulla mia vera natura,” ci dice ”non ho una inflessione particolare nel...

La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel

La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel


La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel

Negli ultii mesi sono state numerose le graphic novel degne di nota. Tra queste vi è senza dubbio quella dedicata alla figura di Cosimo De' Medici realizzata dallo sceneggiatore Alex Lucchesi e dall'illustratore Davide Susini (edita Kleiner Flug) . Impresa non facile, quella di...

Lascia un commento