Mirabel e la crisi: intarsi di meraviglia

Mirabel e la crisi: intarsi di meraviglia

 

Un libro particolare Mirabel e la crisi  di Maria Varsalona. Vediamo di cosa parla…

Maria Varsalona

Maria Varsalona

Chi è Maria Varsalona

Dalla provincia di Agrigento, suo luogo natio, va a vivere a Trento, dove si laurea in Sociologia.
Ha svolto innumerevoli lavori, che le hanno permesso di conoscere gli ambienti più disparati. Significativo un percorso editoriale segnato da un’attività in s.n.c. nel 1996-97 e dal progetto sperimentale Edizioni LeAli nel 2014-16, che ha pubblicato due libri di racconti in seguito ai bandi di selezione.

 

Attualmente LeAli è in fase di ridefinizione. Dedicandosi completamente alla sua antica passione, la scrittura, prosegue la ricerca introspettiva e quella spirituale (quest’ultima non contrassegnata da alcuna confessione religiosa) attraverso i suoi scritti.

 

Vince dei premi, legati a concorsi letterari, (tra cui un viaggio in Asia nel ’94).
Il mio Camino de Santiago” è il suo primo romanzo, pubblicato nel 2014 dalla casa editrice I libri di Emil di Odoya di Bologna. Tratta dell’esperienza del cammino come percorso interiore e strumento di consapevolezza.

Di cosa parla Mirabel e la crisi?

“Il testo intende principalmente – ci dice Maria Varsalona – suscitare emozioni tali da scuotere chi sta rischiando, in questo momento, di rimanere soffocato dalla depressione (sia socio-economica che psichica), nonché suscitare attenzione nei confronti degli strumenti giacenti in qualsiasi essere umano per superare ogni tipo di crisi: il proprio bagaglio di risorse interiori.

L’amarezza la si vive ogni momento con indubbia facilità, ma noi dobbiamo resistere perché dentro abbiamo il senso di mirabel e la crisibellezza atavico, ancestrale e, anche se lo abbiamo temporaneamente dimenticato, siamo in grado di poterlo recuperare in qualsiasi istante, solamente sulla base della fiducia: in noi stessi, in primo luogo, e in qualcosa di più grande di noi, allorquando riusciamo a svegliarci dal torpore della depressione”.

Continua l’autrice nella nostra breve intervista: “A quel punto, diventiamo in grado di vedere il bello in ogni cosa che ci circonda e ciò ci infonde forza, mettendoci nelle condizioni di sottrarci a chi cerca di ridurci alla stregua di marionette. La scrittura rappresenta per me il mezzo attraverso cui dialogo col mondo e lo amo”

Cosa ne penso

Si potrebbe definire una fiaba per adulti, ricca di fantasia e di metafore, ma il punto di partenza della riflessione è amaro: la crisi in cui ci troviamo, la perdita di risorse, di valori e di speranza. Il percorso attraverso il quale la nonna (la protagonista) conduce la nipotina di sette anni, per farle comprendere cos’è la crisi e come se ne esce, rappresenta un cammino interiore alla ricerca della Bellezza che alberga in ognuno di noi, attraverso di essa possiamo ritrovare la passione del vivere e la speranza in una vita migliore.

La nonna nella seconda parte del libro compie questa ricerca su se stessa, incontrando ostacoli e aiutanti, secondo le indexfunzioni tipiche delle fiabe. È un piccolo libro visionario, onirico, sembra una fiaba, con folletti di ispirazione celtica (il Piccolo Popolo) come funzioni positive che aiutano nonna e bambina a scoprire la via per salvarsi, ma non lo è. E’ un affresco interiore di considerazioni, sogni, messaggi, attraverso simboli e immagini fantastiche.

Scritto in una prosa poetica (frequenti le parti direttamente in poesia) raffinata e sapiente, è un messaggio accorato e ispirato a non lasciarci andare, a ritrovare la luce che è in noi, attraverso la Bellezza e la Cultura, attraverso i valori che oggi sono appannati. Ed è al suo bagaglio di risorse che attinge l’autrice, per suggerire l’approccio idoneo ad affrontare una crisi.
Suggerimento che è racchiuso, in particolare, in questa apparente domanda (pag. 28 del libro):

Cosa aveva fatto per
riuscire a evitare che
l’amarezza profanasse
la bellezza del suo cuore?

libriReperibilità dei due romanzi.

Per leggerli: presso la biblioteca comunale di Trento e si possono prendere con il prestito interbibliotecario.
Per acquistarli: nelle librerie (su ordinazione) o contattando l’autrice direttamente su Facebook (alla pagina “Mirabel e la crisi di Maria Varsalona”). In quest’ultimo caso, le spese di spedizione saranno gratuite.

Post correlati

“500 chicche di riso” e torna il sorriso

"500 chicche di riso" e torna il sorriso


"500 chicche di riso" e torna il sorriso

Chi è Alessandro Pagani Alessandro Pagani vive a Firenze, dove è nato e dove lavora presso l'Azienda Sanitaria. Oltre che di poesia e scrittura, è appassionato di musica. Nel 1989 inizia un percorso come musicista con svariati gruppi tra i quali gli Stropharia Merdaria, i...

Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado

Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado


Prigioniero dei sogni di Ramona Corrado

Chi è Ramona Corrado Nasce a Lecce, nella seconda metà del secolo scorso, a cavallo tra il boom economico e l'Austerity, ma abita in Veneto da più di trent'anni. “Ormai mi ritrovo piuttosto confusa sulla mia vera natura,” ci dice ”non ho una inflessione particolare nel...

La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel

La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel


La vita di Cosimo dè Medici in una graphic novel

Negli ultii mesi sono state numerose le graphic novel degne di nota. Tra queste vi è senza dubbio quella dedicata alla figura di Cosimo De' Medici realizzata dallo sceneggiatore Alex Lucchesi e dall'illustratore Davide Susini (edita Kleiner Flug) . Impresa non facile, quella di...

Lascia un commento