La rivoluzione dei garofani: graphic novel 4^parte

La rivoluzione dei garofani: graphic novel 4^parte

Nel 2014 ricorreva il 40° anniversario della Rivoluzione dei garofani, quando nella notte a cavallo tra il 24-25 aprile 1974, un gruppo di militari dell’ala progressista organizzò un colpo di stato che mirava a porre fine al più lungo regime autoritario d’Europa fondato da Salazar, quest’atto insurrezionale incruento permise al Portogallo il ripristino della democrazia.

 

Da una idea di Bailo Fausto, sei illustratori illustratori bolognesi (Niccolò Tonelli, Annamaria Gentili, Mattia Moro, Elisa Menini, Gianluca Valletta, Flavia Barbera) decisero di far rivivere quella notte che riporto la libertà in Portogallo, attraverso le loro opere.

 

Oggi racconteremo la quarta tavola e, per chi si fosse perso la terza , eccola qui…

La rivoluzione dei garofani: graphic novel 3^parte

Biografia Erika Damiano CoralloErika Damiano Corallo

Erika Damiano Corallo nasce a Bra il 29 settembre 1982. È laureata in Scienze dei beni Culturali ed è impiegata attualmente nel settore pubblico.

 

Il suo primo romanzo “Goodnight Dracula” uscito nel 2014, prossimamente verrà dato alle stampe il suo secondo libro dal titolo: Blend, entrambi i libri sono reperibili su www.lulu.com

Descrizione quarta tavola

Ricordo mia nonna che diceva che le donne sentono prima i cambiamenti. Lo sentono nell’aria, nella percezione nuova della luce in una stanza. Non so se sia davvero così, ma questa notte è diversa dalle altre.
Non dormo ancora, non riesco. Nonostante l’alba sia ancora lontana, mi sembra di sentire già l’aria frizzante del mattino. Filtra dalle imposte socchiuse, quelle delle finestre che danno sul corso.

quarta tavolaGiù in strada, le voci delle osterie hanno cessato di parlare. A quest’ora, quasi mezzanotte, tutti si sono già ritirati da un pezzo. Il governo non consente molte distrazioni, dopo il coprifuoco, anche se alcuni locali, dove si può trovare alcol e donne a buon mercato, spesso ospitano le milizie fino a notte inoltrata.
Sono sola. Vivo e lavoro in questa stanza, cucio le divise di quei soldati che si attardano nelle case di tolleranza. Non ho più parenti o almeno non ho più quei parenti stretti con i quali si condivide la tavola alle cene di Natale.
Non mi piace vivere sola, non mi è mai piaciuto e mi è sempre pesato. Mi pesa aspettare l’alba con gli occhi aperti, fissi al soffitto, aspettare che arrivi luce sufficiente all’interno della stanza, perché io possa tornare a cucire. Sono giovane, ma non ricordo se mai per qualcun altro oltre a me la gioventù sia stata così vicina alla vecchiaia. Colpa mia o di questa vita grigia che conduco dal mattino alla sera, aspettando qualcosa di indefinito.
Solo che questa notte non è come tutte le altre. Sono irrequieta e, in un certo senso, mi sento nuova. Come se qualcuno avesse lavato via la Maria di ieri e l’avesse sostituita con un seme di speranza. Mi sento germogliare dentro un’aspettativa non giustificata, assurda, incosciente.

Siedo sul letto e accendo la radio. Giro la manopola fino a sintonizzarla sull’unica frequenza consentita dal regime. Stanno discutendo di qualcosa di poco importante, forse il tempo, non presto molta attenzione.
Sono appoggiata al cuscino, la schiena contro, le gambe distese, ho caldo. Continuo ad essere inquieta senza motivo apparente. Mi accorgo di canticchiare, solo dopo che la mia voce ha già riempito la stanza.Erika Damiano Corallo

La radio passa una canzone di cui ricordo il ritornello… ma non è possibile che le parole siano davvero queste. Mi rendo conto di conoscerla, solo quando arriva la seconda strofa. Sono incredula. Il governo non può averne consentito la trasmissione. E’ sovversiva… Grandola vila morena… sì, è proprio questo il titolo. La conosco, mi rendo conto di saperla cantare.

Per maggiori informazioni sull’autore

Gianluca Valletta

Anno 2014

CondividiShare on Facebook3Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

La trilogia: La maledizione del divoratore di anime

La trilogia: La maledizione del divoratore di anime


La trilogia: La maledizione del divoratore di anime

Chi è Alexander Kainz Nasce a Mirandola (MO), i suoi studi sono di natura economica e si occupa di amministrazione e contabilità all’interno di un Gruppo. Oltre alla scrittura, ha tante altre passioni che in qualche modo sono cibo per la sua fantasia letteraria. Si tiene informato su...

Azzurra dei ciliegi di Stefano Mosele

Azzurra dei ciliegi di Stefano Mosele


Azzurra dei ciliegi di Stefano Mosele

Chi è Stefano Mosele Nasce a Levico Terme, in Trentino, città con la quale ha un rapporto di odio/amore, per sua ammissione: Ho un rapporto complicato con la mia città, dice, per certi versi la cerco, per altri mi allontano, soprattutto quando tento di affermare il mio spirito...

A casa prima del buio: una graphic novel per non dimenticare

A casa prima del buio: una graphic novel per non dimenticare


A casa prima del buio: una graphic novel per non dimenticare

Ottant'anni fa furono emanate Le leggi razziali: era il 14 luglio quando fu pubblicato il tristemente famoso "Manifesto del razzismo italiano" , poi trasformato in decreto il 15 novembre dello stesso anno, con tanto di firma di Vittorio Emanuele III di Savoia.   Settantatre anni fa...

Lascia un commento