Parla Esposito, l’illustratore della graphic jornalism su Cucchi

Parla Esposito, l’illustratore della graphic jornalism su Cucchi

 

Domenico Esposito

Come promesso, continuano le interviste realizzate con la collaborazione di Fausto Bailo e della Premiata Libreria Marconi di Bra (CN) relative alla graphic Journalism: Il buio. La lunga notte di Stefano Cucchi (Round Robin Ed.) che uscirà  a giornifirmata dalla giornalista Floriana Bulfon (L’Espresso) e sceneggiato da Emanuele Bissattini con illustrazioni realizzate da Domenico Esposito Claudia Giuliani.

 

Dopo aver parlato con lo sceneggiatore, Emanuele Bissattini, questa è la volta dell’illustratore Domenico Esposito. Sentiamo cosa ci dice…

Esposito, quali sono i suoi illustratori di formazione?

“Ho sempre ammirato artisti molto vari tra loro, più di tutti apprezzo molto due categorie di questi: gli artisti che usano audaci soluzioni grafiche (John Paul Leon, Mike Mignola, Sergio Toppi, per citarne alcuni) e gli artisti conosciuti per uno stile più grottesco o deformed (Joe Madureira, Humberto Ramos, Chris Bachalo)” .

Leggeva già da piccolo?

“Si. Ho cominciato con il fumetto americano a 8-9 anni credo, crescendo l’interesse si è spostato dai supereroi al fumetto in generale e alla scoperta di autori da cui imparare”.

Quali sono stati i suoi primi passi nel mondo dei fumetti?

“Durante gli anni dell’università, facendo qualche tavola sui miti e leggende dall’isola di Ischia per un quotidiano locale”.

Secondo lei, quest’opera può essere definita come una graphic journalism?

Sicuramente. C’è stato un grande lavoro di ricerca e verifica fonti, sia per quanto riguarda la scrittura che per il disegno, cercando di essere il più fedeli e neutrali possibili nel racconto della vicenda”.

 

Quando è entrato a far parte del progetto editoriale che ha consentito la realizzazione di: Il buio, la lunga notte di Stefano Cucchi?

“Sono entrato in contatto con la casa editrice intorno a Febbraio-Marzo 2018, nei mesi successivi, prima dell’inizio effettivo del lavoro, abbiamo discusso su come strutturare il tutto”.

Quanto è stato complesso realizzare un fumetto tratto da un fatto di cronaca nera?

“La complessità è stata forse quella di dover narrare per immagini la realtà, che non è bella, accattivante o magari con un lieto fine come nei romanzi e nei film, ma trovare comunque un modo di rendere il tutto interessante, e spero, emozionante per il lettore”.

Quale tecnica grafica predilige per le realizzazioni delle sue tavole?

“Per queste tavole ho lavorato in digitale, per una questione di praticità e velocità, ma sono ancora legato agli strumenti tradizionali, che a volte utilizzo insieme al digitale (soprattutto in fase di sketch o layout)”

In passato ha realizzato altre graphic novel?

“Ho disegnato un altra storia ma che sarà di futura pubblicazione, questo però è il mio primo volume pubblicato”.

Come è stato accolto il fumetto al Lucca Comics?

Molto bene, l’accoglienza è stata positiva e devo dire sorprendente per i tempi brevi che abbiamo avuto per annunciare questa anteprima in fiera, ringrazio le molte persone che si sono fermate allo stand per farci i complimenti e acquistare il volume”.

 

Progetti per il futuro?

“Adesso sicuramente l’attenzione è rivolta verso la seconda fase del lavoro, promuovere il libro, dopo, vedremo, sinceramente mi interessa anche dedicarmi un po’ all’illustrazione”.

Post correlati

Churchill, il vizio della democrazia

Churchill, il vizio della democrazia


Churchill, il vizio della democrazia

"Non vi lamentate se il personale politico è mediocre e impresentabile, perchè la responsabilità più grande e più grave è quella degli onesti e dei capaci che se ne lavano le mani e non si impegnano per cambiare le cose." (Piersanti Mattarella) Carlo G. Gabardini è uno scrittore...

Intervista allo sceneggiatore/scrittore Fabrizio Lo Bianco

Intervista allo sceneggiatore/scrittore Fabrizio Lo Bianco


Intervista allo sceneggiatore/scrittore Fabrizio Lo Bianco

Dopo l'intervista al disegnatore della graphic novel Ventimila leghe sotto i mari,  come promesso, eccovi quella allo sceneggiatore Fabrizio Lo Bianco che, oltre a fumetti e cartoni animati, è anche autore di libri per ragazzi. Ha esordito come professionista con lo studio Red...

Ventimila leghe sotto i mari diventa un fumetto

Ventimila leghe sotto i mari diventa un fumetto


Ventimila leghe sotto i mari diventa un fumetto

Senza dubbio Ventimila leghe sotto i mari ,  dell'indimenticabile Jules Verne  anticipatore della fantascienza,  è un romanzo sulla quale il tempo non posa mai la polvere: una storia longeva, un evergreen.E ci piace pensarlo mentre legge questa bella trasposizione a fumetti del libro, ...

Lascia un commento