Dentro me, esordio di Matteo Nepi

Dentro me, esordio di Matteo Nepi

Editore: Pav Edizioni
Anno edizione: 2016
Pagine: 200.

Matteo Nepi

Matteo Nepi

Chi è Matteo Nepi

Nasce a Milano, ma dal 2008 vive a Dublino. Durante gli anni dell’Università (è laureato in Scienze Politiche), tra una lezione e l’altra, inizia a scrivere brevi storie.

 

“In seguito ricopiai quegli appunti battendoli a macchina con una vecchia Olivetti degli anni 70 dei miei genitori, ma era più il tempo che passavo a infilare il foglio nel rullo dalla parte giusta che a portare avanti le storie. Poi passai al computer salvando gelosamente le mie produzioni nei cari vecchi floppy disk” ci dice.

 

In seguito, da autodidatta, comincia anche a dedicarsi alla scrittura cinematografica, ma la pubblicazione di un romanzo vero e proprio è rimasto al primo posto. Con tenacia, e tanta tanta passione, è riuscito a realizzare il suo sogno pubblicando Dentro me, il suo esordio letterario.

 

“Senza arrendermi, proseguii la ricerca di una casa editrice non a pagamento che credesse nel mio romanzo. Alla fine la trovai o forse fu lei a trovare me…”

 

Ha pubblicato anche una raccolta di racconti e vinto alcuni Premi letterari.

Di cosa parla Dentro mecopertina libro (1)

La storia si svolge a Milano, fine degli anni novanta . Il protagonista è un giovane universitario piuttosto introverso, figlio di genitori ricchi e separati che poco si occupano di lui e di sua sorella Cinzia.

Il difficile rapporto con il padre non lo aiuta a superare i suoi malesseri e difficoltà e la sensazione perenne di profonda solitudine. Problematiche legate all’infanzia e mai risolte.

Dopo un paio di esperienze sentimentali deludenti, incontra Giorgia e da quel momento la sue esistenza opaca cambia completamente corso.

Cosa ne penso

Un libro sincero, emozionale, di pancia. Incentrato sulla storia del giovane Andrea Fiacchini prende sin dalle prime pagine, perché trasmette sensazioni e sentimenti che appartengono ad ognuno di noi: la ricerca di un senso a questa vita, l’amore, la solitudine, la tristezza, l’incapacità di decidere, l’amicizia, i timori e le paure.

Aiutato da una scrittura in prima persona, Matteo Nepi attira il lettore nel suo mondo e riesce a fargli vivere le stesse emozioni del protagonista. Si rivolge direttamente a lui, permettendogli di vivere la sua vita, mostrandogli ciò che vede e sente…

milano-città-più-triste

 

L’autunno milanese era strano, non c’erano foglie che cadevano o colori che ingiallivano, la città diventava solo più fredda e piovosa…A Milano non si può andare in spiaggia a vedere che effetto fa il mare quando piove o nevica. Non ci sono nemmeno i bagni che chiudono una volta finita la stagione, per questo credo che nessuno… conosca bene la differenza tra tristezza e malinconia.

 

Un pregio del romanzo sono i dialoghi, intensi e ben posizionati nel plot. Spezzano la monotonia del narrato e facilitano la lettura, caratterizzando i personaggi e aggiungendo realismo alla vicenda.

“Vaffanculo, me ne voglio andare da qui.”
“Dove?”
“Non lo so, via.”
“E il lavoro?”
“E il lavoro se ne trova un altro.”
“Dove vorresti andare Andrea?”
“In un posto silenzioso dove conoscere tante persone, che diventeranno amici mie e non se ne andranno come ha fatto Loris.”
“Guarda che non è Loris che se ne è andato, è la vita che vi ha diviso:”

La scrittura è chiara, non banale, semplice ma accurata. L’autore riesce a dosare e a posare bene le parole che creano in chi legge immagini nitide e immediate.

La solitudine che regna, e che impregna ogni pagina, è palpabile, spessa come la coltre di nebbia che offusca MIlano, una delle città più belle, ma anche più tristi d’Italia, stando a recenti sondaggi. Matteo Nepi però la maneggia bene,evitando che diventi reclusione e inducendo a riflettere sulle proprie  fragilità.

Un percorso certamente complicato, ma educato e intelligente, grazie al quale il lettore può indagare in profondità le dinamiche dei sentimenti umane che, ormai, si intrecciano indissolubilmente con quelle della società.

Insomma, quando le emozioni si incrociano con parole ben scritte ne nascono cose belle, come questo libro.

CondividiShare on Facebook22Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero

Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero


Un errore di inesperienza, esordio di Errico Nero

  Chi è Errico Nero Avvolto nel mistero, l’autore si firma con uno pseudonimo. Si sa soltanto che è abruzzese e ama i libri e la musica.   Pubblicato nell’agosto 2017, Un errore di inesperienza rappresenta il suo esordio letterario. Di cosa parla Rebecca Mozic e...

Dragon Tears: esordio di Andrea Anedda

Dragon Tears: esordio di Andrea Anedda


Dragon Tears: esordio di Andrea Anedda

Chi è Andrea Anedda Il venticinquenne Andrea Anedda adora la montagna e tutto ciò che riguarda la natura. Lavora come cameriere in un noto ristorante di Cagliari, ma utilizza ogni momento per scrivere, anche poesie.   “ Ormai la scrittura è diventata una necessità...” ci dice...

Le mie cose preferite: di scena è l’amore

Le mie cose preferite: di scena è l'amore


Le mie cose preferite: di scena è l'amore

Alba Sunshine Bettoschi Ratti  è una neuropsichiatra infantile salernitana che attualmente vive a Roma.   L'impegno medico non le ha impedito di coltivare la sua passione per la scrittura, compresa la poesia. Pittura espressiva, arte culinaria e realizzazione di gioielli completano...

Lascia un commento