Nero, esordio di Daniele Scalese

Nero, esordio di Daniele Scalese

Nero di Daniele Scalese
(Eremon Edizioni, formato Epub, euro 2,49)

 

Daniele Scalese

Daniele Scalese

Chi è Daniele Scalese

Questo giovane ed estroverso autore (non ha ancora trent’anni) innamorato della vita e grato per ciò che gli sta riservando, nasce a Taranto, ma la sua poliedrica personalità si forma tra Milano e la capitale del barocco salentino: Lecce.

 
Fra università, collaborazioni, lavori di genere completamente diversi come venditore di call center, istruttore in sala pesi, giornalista per un sito dedicato al cinema, impiegato all’ufficio ammissioni dell‘Università Bocconi (“il luogo più noioso del mondo”, dice lui) e ragazzo immagine Carrefour, riesce comunque a trovare il tempo per coltivare le sue grandi passioni.

 
Ama lo scrittore e saggista statunitense David Foster Wallace, ma anche le poesie e gli aforismi di Pessoa (è partito per Lisbona per mettersi sulle sue orme) ed è affascinato dalla turbolenta vita e dalle produzioni di Hunter Scott Thompson, il giornalista e autore americano finito suicida a 67 anni.

 
Cinefilo, apprezza Tarantino, Polanski, Lynch e si commuove di fronte ad un film del sudcoreano Park Chan-Wook.
Collabora con alcune riviste cinematografiche, scrive racconti per un magazine e frequenta una scuola di scrittura creativa.
“Quando mi sento triste” dice “ guardo Birdman (L’imprevedibile virtù dell’ignoranza) il film firmato dal regista messicano Alejandro González Iñárritu” 

 
Con molta autoironia ci racconta che ha recentemente conosciuto il suo 128^mo Grande Amore al quale è in procinto di mostrargli, ovviamente in streaming, il film che più parla all’altro di se stesso: Birdman, ovviamente. “Dire che fai lo scrittore e parlare di cinema, fa sempre un certo effetto con una nuova ragazza…” Ammette con aria sorniona.

Di cosa parla Neroebook Nero

Ambientato in una città contemporanea e strutturato in 23 parti ognuna delle quali ha perlopiù il nome di un colore, racconta la storia di Lorenzo. Un uomo che dal momento in cui viene licenziato dal lavoro entra in una profonda crisi.

Tradisce la compagna, rivelandosi sempre più indifferente a tutto quel complesso di regole e norme che ci guidano nella società. Privo di senso morale e valori, discende verso l’autodistruzione in un universo abietto ed ambiguo dove si sente, però, in potere di fare tutto senza alcun limite.

 

Cosa ne penso

Scritto in prima persona, è una storia che mescola con ottimi risultati le caratteristiche del noir metropolitano con quelle del thriller, del romanzo erotico e di formazione. Attraverso Lorenzo e la sua coscienza, l’autore ci mostra con particolare vividezza come il male sia insito in ognuno di noi. Non soltanto. Andando avanti nella lettura, scopriamo come di questo lato animalesco e violento spesso ne si rimanga affascinati e il protagonista non fa eccezione.

 

IMG_8726

Attraverso un percorso fatto di errori, Lorenzo non si risparmia nulla, nemmeno vendere per denaro il proprio corpo e tutto ciò a tratti lo esalta innalzandolo e spingendolo verso una diversa e distorta percezione del mondo.

 
“Guardare dentro l’uomo è guardare in un abisso” dice Georg Büchner in Woyzeck . Ecco, questo è il concetto che muove il romanzo: se l’uomo fa tanto di perdere il controllo, allora è facile sprofondare nel proprio abisso e tutto può accadere.
Come nel romanzo Nel cuore profondo di Mankell anche qui sembra impossibile bloccare il percorso di violenza e perdizione, una volta iniziato.

 
Con un fondo di ironia, stile scorrevole e ben caratterizzante i personaggi, Daniele Scalese riesce a confezionare un buon romanzo, dove il messaggio sociale fatto di degrado morale e ambientale si mescola agli elementi del thriller tenendo costantemente alta la tensione e interessando il lettore dall’inizio alla fine. Senza cedimenti e con l’impronta da sceneggiatore, racconta le emozioni, le lotte interiori e i sentimenti più intimi del protagonista nel momento stesso in cui nascono dentro di lui e le offre tali e quali, direi vergini, perché ognuno di noi possa rifletterci. Unico avvertimento: non giudicate, dice prima di iniziare la narrazione e (forse) ha ragione…

Nero di Scalese

Questo libro si ispira a circostanze realmente accadute. Con franchezza, vi consiglio di non giudicare, moralmente, i comportamenti dei personaggi che intende raccontare altrimenti, loro potrebbero fare lo stesso con i vostri.
Vi converrebbe?

 

 

CondividiShare on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

Kisetsu, coraggioso esordio di Ciro Cibelli

Kisetsu, coraggioso esordio di Ciro Cibelli


Kisetsu, coraggioso esordio di Ciro Cibelli

Chi è Ciro Cibelli Napoletano di origine, vive in provincia di Treviso. Oltre che di lettura e scrittura è appassionato di disegno, filosofia, musica underground, mondo giapponese, make up e cosplay.   La lettura è una passione che arriva da lontano. La sua famiglia aveva in casa...

L’esordio di Andrea Pasquale

L'esordio di Andrea Pasquale


L'esordio di Andrea Pasquale

Chi è Andrea Pasquale L’autore nasce all’inizio degli anni ottanta in Molise. Fin da bambino dimostra scarsa propensione per lo sport e una passione sfrenata per il mondo nerd, che ben gli valgono l’attenzione dei bulletti e il soffocamento di ogni speranza di contatto con il mondo...

Le formiche non hanno le ali

Le formiche non hanno le ali


Le formiche non hanno le ali

Chi è Silva Gentilini Silva Gentilini, nata a Orbetello nel 1961, ha lavorato come consulente story editor per Mediaset ed Endemol, occupandosi di fiction tv, e come giornalista free lance per le riviste «Cosmopolitan» e «Moda».   Ha pubblicato poesie e racconti con il poeta...

Lascia un commento