Ecco i vincitori del prestigioso Premio Capalbio 2017

Ecco i vincitori del prestigioso Premio Capalbio 2017

Venerdì 25 agosto 2017 presso la Fondazione La Ferriera in località Pescia Fiorentina (Capalbio) e sabato 26 agosto 2017 nella plendida cornice di Piazza Magenta nel cuore del borgo medioevale maremmano di Capalbio (Gr) si terrà la cerimonia di premiazione della VI edizione del Premio Internazionale Capalbio Piazza Magenta.

Fra i più prestigiosi riconoscimenti letterari italiani, il premio è stato fondato alla fine degli anni novanta dall’allora direttore del “Corriere della Sera” Paolo Mieli, saggista, editorialista del “Corriere della Sera” e attualmente nel consiglio di amministrazione della Rizzoli, ed annovera nel suo albo d’oro i più celebri nomi della cultura, del giornalismo, della politica e dell’economia.

 
Per l’edizione 2017, la Giura composta da Nicola Caracciolo (Presidente), Luigi Bellumori (Sindaco di Capalbio), Mirella Serri, Giacomo Marramao, Furio Colombo, Giancarlo Bosetti, Moreno Martini, Carlo Gallucci, Marisa Garito e Luca Pietromarchi ha selezionato i seguenti autori:

Tutto è in frantumi e danza. L'ingranaggio celesteVenerdì 25 Agosto alle ore 18 presso la Fondazione La Ferriera in località Pescia Fiorentina ritireranno il premio Internazionale Capalbio Piazza Magenta Gherardo Colombo e Piercamillo Davigo autori de “La tua giustizia non è la mia” (ed. Longanesi). Dialoghera’ con loro sui temi più scottanti della giustizia in Italia Furio Colombo, giornalista, scrittore e politico.

alle ore 18.30 in Piazza Magenta a Capalbio saranno premiati per le loro opere: Alberto Negri “Il musulmano errante. Storia degli alauiti e dei misteri del Medio Oriente” (ed. Rosenberg & Sellier) che racconta riti e credenze degli alauiti ripercorrendo una storia di oltre mille anni fino alla tragedia della guerra civile siriana e all’assedio di Aleppo,

Vittorio Pavoncello per “Tutte le foto del mondo tranne una” (ed. Progetto cultura), racconto dedicato alla vicenda di un giovane hikikomori attraverso cui si snoda la storia del Giappone dalla meta’ del Novecento fino ai nostri giorni, Gaia Servadio, scrittrice di “I viaggi di Dio” (ed. Feltrinelli) un cammino nella spiritualità attraverso i secoli e i popoli,

Vittorio Sgarbi autore di “Dall’ombra alla luce. Da Caravaggio a Tiepolo. Il tesoro d’Italia: vol. IV” (ed. La nave di Teseo) quarto appuntamento su storia e geografia dell’arte italiana condotta dal noto autore e Corrado Stajano scrittore di l’ “Eredità” (ed. Il Saggiatore) un compendio di ricordi personali e memoria storica collettiva.

Durante la serata sara’ consegnato anche il Premio Speciale per l’editoria alla Casa editrice La lepre di Alessandro Orlandi e ai suoi Annarosa Matteiautori Domitilla e Marco Calamai De Mesa per “La mantella rossa”, un romanzo ambientato alla fine del XV secolo che alterna l’amore contrastato tra i protagonisti con la tensione epica degli eventi storici narrati, e Annarosa Mattei per “L’enigma d’amore nell’occidente medioevale” che, a partire dalla Provenza medioevale, ripercorre la storia e i destini della passione amorosa.

 

Un altro Premio speciale per la sezione economia Filippo Caracciolo sara’ consegnato a Edoardo Nesi (già Premio Strega 2011) e Guido Maria Brera per “Tutto è in frantumi e danza. L’ingranaggio celeste” (ed. La nave di Teseo), un dialogo fittissimo sui piu’ scottanti temi economici e politici intriso di nostalgia per la fine di un’epoca. Va invece a Carlo Vellutini, giornalista dell’emittente TV9, il Premio Capalbio 2017 al Territorio per “Reti di Smeraldo”( ed. HeiMat ) un romanzo “ di vita” che ha il calcio come filo conduttore.
Seguirà un incontro con Tomaso Montanari, storico dell’arte, docente universitario ed editorialista di “Repubblica”.

 

La serata di sabato 26 agosto sarà condotta dalla scrittrice e giornalista Giovanna Pancheri corrispondente dagli Stati Uniti di Sky TG24 per la quale ha anche seguito in prima persona, come inviata di punta, i piu’ recenti attacchi terroristici di Parigi.

Le letture di alcune parti dei libri premiati saranno a cura dell’attrice Irene Grazioli nota per i suoi numerosi film, fra cui “Mediterraneo” di Gabriele Salvatores.

La segreteria del Premio è curata dalla scrittrice, blogger e giornalista grossetana Dianora Tinti.

CondividiShare on Facebook16Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

NASCE IL PREMIO LETTERARIO MILANO INTERNATIONAL

NASCE IL PREMIO LETTERARIO MILANO INTERNATIONAL


NASCE IL PREMIO LETTERARIO MILANO INTERNATIONAL

Non poteva che essere Milano, capitale italiana della cultura e dell’editoria, la sede del nuovo Premio letterario Milano International ideato dal critico, scrittore ed editore Roberto Sarra, anima del Città di Cattolica Pegasus Literary Awards, del Premio Internazionale Montefiore e del Pegasus...

Una storia sul femminicidio

Una storia sul femminicidio


Una storia sul femminicidio

Anita Betata Rzepecka, 30 anni, è caduta a terra per uno schiaffo ed è rimasta agonizzante per ore a terra. "Se lo meritava, non aveva lavato i piatti" ha detto l'uomo all'arrivo dell'ambulanza alla compagna che è morta poco dopo in ospedale (da La Repubblica di Bari - luglio 2017). Questo uno...

Prima teatrale “A tempo” di Nuccio Viglietti

Prima teatrale "A tempo" di Nuccio Viglietti


Prima teatrale "A tempo" di Nuccio Viglietti

  Riflessioni di Nicola Brizio su “A tempo. Rap sinfonietta in quattro movimenti”   Quando arriviamo al Caffè Teatro Basaglia l’atmosfera assomiglia già in tutto e per tutto a quella di una grande festa all’interno della quale in compagnia di vecchi amici e perfetti sconosciuti si...

Lascia un commento