Max Bertolini, illustratore della Bonelli Editore

Max Bertolini, illustratore della Bonelli Editore

Chi ci segue, conosce la nostra passione per il fumetto, oramai parte integrante della cultura popolare, fenomeno artistico secondo a nessun altro.

 

Max Bertolini

Come promesso, dopo l’intervista allo sceneggiatore Mirko Perniola ecco quella all’illustratore Max Bertolini, autore del fumetto Morgan Lost e Dylan Dog – n°5.

 

Dylan Dog appare nel mondo dei fumetti nel 1986. Creato dalla fervida fantasia di Tiziano Sclavi, il poco tempo è diventato un cult del fumetto italiano.

 

Attraverso queste interviste vi faremo conoscere uno spaccato della Sergio Bonelli Editore, questa casa editrice operante già dagli anni quaranta sotto altre denominazioni e leader del settore in Italia.

 

Ringraziamo Bailo Fausto e la Premiata Libreria Marconi di Bra (Cn) per questa serie di interessanti interviste.

Max, ci parli di lei e di come è nata la sua passione per l’illustrazione…

“Amavo disegnare sin da bambino, volevo rendere reali le fantasie che avevo, soprattutto mi interessava la figura umana ma ero anche affascinato dalla prospettiva, da come le curve rendevano le forme, dalla forza espressiva dei disegni che vedevo, fumetti di super-eroi ma anche i lavori di illustratori di fantascienza e fantasy, Chris Foss, Vallejo, Frazetta”.

Quali sono stati i suoi maestri di formazione?

Sono autodidatta. Ho avuto alcune nozioni di base sull’inchiostrazione da un amico di famiglia ma ho studiato soprattutto da solo nel tempo libero dalla scuola e dall’Università”.

Come è avvenuto il suo incontro con la Sergio Bonelli Editore?

“Partecipai a una mostra di tavole originali di Claudio Castellini, ormai quasi trenta anni fa. Lì ho conobbi Sergio Bonelli e gli feci vedere le mia tavole. Lui mi mise in contatto col curatore di Nathan Never, Antonio Serra”.

Quando le è stato proposto di realizzare il fumetto: Morgan Lost e Dylan Dog – n°5?

“Circa 10 mesi fa”.

Quanto tempo è stato necessario per la realizzazione del fumetto?

“In tutto circa 5 mesi tra primo e secondo albo”

Quale tecnica grafica utilizza per la realizzazione delle tavole?

“Oggi lavoro quasi esclusivamente in digitale, mi consente una maggiore flessibilità e capacità di correzione. Spesso comincio ancora su carta e poi finisco in digitale, con tavoletta Wacom e penna ottica”.


 

Post correlati

Mirko Perniola, sceneggiatore della Bonelli Editore

Mirko Perniola, sceneggiatore della Bonelli Editore


Mirko Perniola, sceneggiatore della Bonelli Editore

Molti, e sicuramente tutti gli appassionati di fumetti, conoscono Tex Willer, Zagor o Dylan Dog, alcuni dei personaggi più famosi e più longevi del fumetto italiano, nati grazie alla storica casa editrice Sergio Bonelli . Attraverso le testimonianze di uno sceneggiatore, Mirko...

Stefano Lanciotti, tra gli scrittori più letti

Stefano Lanciotti, tra gli scrittori più letti


Stefano Lanciotti, tra gli scrittori più letti

Stefano Lanciotti è fra gli autori indipendenti di libri fantasy più letti in Italia, ma ha pubblicato anche triller. Nel 2012 scopre il self-publishing e diventa uno dei casi letterari dell'anno. Nel 2013 con la casa editrice Newton Compton pubblica Israel – Operazione Tel Aviv e...

Francesco Muzzopappa, voce brillante della letteratura italiana

Francesco Muzzopappa, voce brillante della letteratura italiana


Francesco Muzzopappa, voce brillante della letteratura italiana

Francesco Muzzopappa esordisce come scrittore nel 2013 con il romanzo Una posizione scomoda, prosegue l'anno successivo con Affari di famiglia e nel 2017 con Dente per dente con il quale vince il Premio Massimo Troisi. Nel 2018 pubblica Heidi, tutti con Fazi editore. Ispirati a Una...

Lascia un commento