Lucy, l’ominide più noto, in una graphic novel

Lucy, l’ominide più noto, in una graphic novel

Quest’anno abbiamo deciso di dedicare una serie di interviste al mondo femminile partendo da una serie di libri illustrati per bambini delle serie edita EL nella fortunata collana I Grandissimi.

 

Iniziamo con Lucy. La prima Donna scritto da Daniele Aristarco e illustrato da Angelo Ruta che ci ha gentilmente concesso questa intervista.

 

Era il 24 novembre 1974 quando vennero scoperti i resti di Lucy, l’ominide più noto mai ritrovato e vissuto 3,2 milioni di anni fa. Era una femmina di Australopiteco e fu ritrovata trovata ad Hadar, in Etiopia.

I nostri ringraziamenti a Fausto Bailo e alla Premiata Libreria Marconi di Bra (Cn) per la fattiva collaborazione.

Angelo Ruta

Angelo, quali sono stati i suoi illustratori preferiti?

“Difficile dirlo, perché sono tanti e continuo a seguirli. In un certo qual modo non si finisce mai di alimentarsi delle opere dei grandi artisti che ci hanno preceduto. Dovendo scegliere, direi i francesi Topor e Samivel, e i nordici Larsson e Kittelsen”.

Quando è entrato a far parte del progetto editoriale che ha consentito di realizzare il libro illustrato Lucy, la prima donna?

Lucy è un progetto di qualche anno fa. Mi ricordo che mi ha subito stimolato il testo, perché non mi ero mai occupato di niente del genere”.

Quando ha sentito parlare per la prima volta di Lucy?

La scoperta di Lucy ha avuto una grande eco non solo in ambiente scientifico. Così ne avevo sentito parlare alla radio e attraverso i giornali”.

Quali sono state le sue fonti di informazioni sudi lei?

“Mi sono documentato prevalentemente attraverso il web, seguendo le indicazioni contenute in appendice sul libro.”

Quanto è stato complesso ricreare il mondo presente sulla terra tre milioni di anni fa?

“Ricreare un mondo di cui non esistono testimonianze iconografiche è molto stimolante. Ho immaginato di caricarlo di un’atmosfera diversa, con colori più saturi e irreali, dove la luce fosse molto diversa da quella che conosciamo”.

Quanto tempo è stato necessario per la realizzazione delle tavole?

“Circa un mese”.

Quanto è stato complesso illustrare la vita di questa nostra antenata?

È stato complesso rappresentare gli autralopitechi: perché sono una via di mezzo tra l’uomo e la scimmia e hanno proporzioni e misure molto diverse. Ad esempio l’altezza, la lunghezza delle braccia, la differenza marcata tra maschio e femmina”.

Quale potrebbe essere la canzone di Lucy?

“Quella che le ha dato il nome: Lucy in the sky, dei Beatles“.

Progetti per il futuro?

“Altri tre libri da illustrare entro la fine dell’anno”.

Post correlati

Einaudi Ragazzi: Il coraggio salpa a mezzanotte

Einaudi Ragazzi: Il coraggio salpa a mezzanotte


Einaudi Ragazzi: Il coraggio salpa a mezzanotte

Per la serie Incontri con gli scrittori di Einaudi Ragazzi  questa volta intervistiamo con grande piacere Andrea Atzori che, come fosse predestinato, nasce nell’orwelliano 1984. Ha pubblicato molti romanzi, tra cui la saga fantasy per ragazzi Iskìda della Terra di Nurak (Condaghes)...

Intervista allo sceneggiatore Marco Nucci

Intervista allo sceneggiatore Marco Nucci


Intervista allo sceneggiatore Marco Nucci

Il mondo della graphic novel non smette di stupirci con le numerose opere e noi non ci lasciamo sfuggire le ultime uscite. Questa volta parleremo con Marco Nucci (sceneggiatore) del fumetto Skull (edito Tunué ) per i disegni di Giovanni Nardone e di tanto altro... Skull...

Einaudi Ragazzi – Penelope, vita da regina

Einaudi Ragazzi - Penelope, vita da regina


Einaudi Ragazzi - Penelope, vita da regina

Visto l'interesse suscitato da quelle precedenti, continuano le nostre interviste agli scritturi di Einaudi Ragazzi.Questa è la volta diel libro Penelope, vita da regina  scritto da Sabina Colloredo e illustrato da Cristiano Lissoni (Einaudi - Collana Grandissimi). Ci...

Lascia un commento