Poesia “Fiori di Campo” di Aurora Cantini – Poeti italiani

Poesia “Fiori di Campo” di Aurora Cantini – Poeti italiani

Introduzione all’autrice

Aurora Cantini, insegnante di scuola primaria, poetessa e narratrice, vive a cavallo tra la Valle Seriana e la Valle Brembana, montagne bergamasche. Scrive dall’età di 10 anni, da quando creava poesie per le compagne di scuola.

Potete trovare altre cose su di lei visitando il suo sito “Sulle ali dell’aurora”:

http://acantini.altervista.org/

FIORI DI CAMPO

I fiori di campo
sono docili e sinceri
senza il profumo che stordisce
e incanta
ma solo luce di saggezza
e solitudine.

Stanno socchiusi
un poco discosti
specchiando verità sublimi.

Portano il marchio
di calzari consumati
e hanno laggiù
sulle gocce di rugiada
ferite e sudori dei dimenticati

I fiori di campo
sanno custodire i segreti
e l’uomo che non si arrende e avanza
il fiore di campo
accompagna.

Da “Fiori di campo” 1993

 

CondividiShare on Facebook44Share on Google+0Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn0Pin on Pinterest0Email this to someone

Post correlati

Il vero immortale è l’amor…

Il vero immortale è l’amor...


Il vero immortale è l’amor...

    Una intensa poesia (tratta dalla raccolta Il fascino segreto dell'anima, edito da Pegasus Edition), commentata magistralmente da Antonella Abbate, professoressa toscana.   L'autore, Marcello Lazzeri, vive ad Altopascio (LU) e, oltre che poeta, è anche scrittore...

Nell’arte dell’io esordio poetico di Riccardo Grechi

Nell'arte dell'io esordio poetico di Riccardo Grechi


Nell'arte dell'io esordio poetico di Riccardo Grechi

Chi è Riccardo Grechi Nato a Bologna nel 1986 e appassionato di musica fin da piccolo, a soli 30 anni diventa batterista di professione.   Diplomato in batteria ed elettronica, contemporaneamente scrive poesie ed aforismi mettendosi alla prova attraverso la partecipazione a svariati...

Non vedo non sento e… il grido di dolore di Ester Cecere

Non vedo non sento e… il grido di dolore di Ester Cecere


Non vedo non sento e… il grido di dolore di Ester Cecere

In copertina: cornice di legno presente nel santuario di Toshogu a Nikko (Giappone) (WIP Edizioni) Ester Cecere nasce a Taranto, dove vive e lavora come ricercatrice presso il Consiglio Nazionale delle ricerche dove si occupa di Biologia marina. Ha alle spalle una serie di raccolte...

9 Comments

  1. Leda Santini 1 July 2013
    Rispondi

    Basta un’immagine ad evocare una riflessione. Quando la riflessione si traduce in parole allora nascono le belle poesie.

  2. dianora tinti 1 July 2013
    Rispondi

    Sono d’accordo con Leda… però credo che prima della riflessione debba nascere un’emozione…

  3. Aurora Cantini 9 July 2013
    Rispondi

    Grazie di cuore per aver permesso alla mia poesia “Fiori di campo” di volare nel cuore della gente, dei lettori, e trovare corrispondenza di emozioni. Ognuno di noi è uno scrigno colmo di emozioni, non saremmo uomini senza le emozioni, ogni istante è un’emozione. Fugge via lasciando solo nebbia e magari rimpianto, ma se si è veloci, la si può catturare sulla carta, come un’impronta. E allora vivrà per sempre in una poesia. Simile ad un fiore tra le pagine di un libro, di cui eternamente avremo il ricordo.

  4. letteratura e…dintorni 9 July 2013
    Rispondi

    Con questo blog, cara Aurora, fra le tante cose, aiutiamo tanti autori a farsi conoscere e ad arrivare, proprio come hai detto tu, fino nel profondo delle persone e, credimi, è più facile di quanto sembri…soprattutto quando si vanno a toccare le corde del cuore…come sai fare tu. Brava!

  5. Anonimo 17 September 2013
    Rispondi

    IL GIARDINO INCANTATO

    Vi è nel cuore di ognuno di noi
    un giardino incantato
    da accarezzare
    con occhi di bimbo.

    Angoli dimenticati
    sentieri ormai perduti
    tracce umide
    come di lacrime.

    Un giardino incantato
    appare solo al tramonto
    quando l’uomo rimane lì
    frastornato da tremiti e malinconie
    e chiede solo
    pochi istanti per sé.

    Se svapora un poco
    non è perché va via
    È solo appannato
    -riapparirà-
    quando lo chiami piano.

    Da “Nel migrar dei giorni” 2000

    • Anonimo 12 October 2013
      Rispondi

      IL GIARDINO INCANTATO, di AURORA CANTINI

  6. Aurora Cantini 12 October 2013
    Rispondi

    IL GIARDINO INCANTATO, di AURORA CANTINI

  7. Aurora Cantini 13 February 2015
    Rispondi

    Per tutti gli innamorati
    AL MIO UOMO

    Sei tu la roccia
    che regge antiche promesse
    di amanti
    con il cuore non ancora sfiorito
    dagli acri sapori
    della solitudine.

    E se vibra lo sguardo
    scopri sentieri già percorsi.

    Non sarai solo
    quando l’impronta
    scenderà
    lungo il declivio.

    C.Aurora Da “Fiori di campo” 1993

  8. Dianora Tinti 14 February 2015
    Rispondi

    Grazie cara Aurora, contnua a regalarci i tuoi versi…ogni volta sempre più emozionanti e toccanti…

Lascia un commento